Barga vuol entrare nella riserva dell’Appennino Tosco-Emiliano

BARGA - In una partecipata assemblea pubblica svoltasi nell’aula magna “Carradini” a Barga, è stato presentato il progetto che vuole realizzare il comune di Barga: entrare a far parte con il suo territorio della riserva MAB (Man and Biosphere) dell’Appennino Tosco-Emiliano.

-

 

Il programma MAB, al suo interno include le Riserve della Biosfera, che mirano a coinvolgere le comunità locali e sono esempi di buone pratiche per lo sviluppo sostenibile e per l’interazione tra sistema sociale e sistema ecologico. Tra queste quella dell’Appennino Tosco Emiliano che nasce nel 2015 e che si estende a 34 comuni dell’Appennino tra Emilia Romagna e Toscana. A riflettere sull’adesione di Barga al progetto è stato Fausto Giovannelli, presidente del Parco Appennino Tosco-Emiliano. Secondo il sindaco Caterina Campani è un progetto che rappresenta una grande opportunità per Barga. L’assessore all’ambiente Francesca Romagnoli ha poi illustrato il percorso per l’ingresso di Barga i primi passaggi il massimo coinvolgimento del territorio attraverso una serie di incontri; poi lo sviluppo dell’idea di quello che si vorrà realizzare. Solo dopo, si parla del 2020, l’ufficializzazione della candidatura che dovrà passare all’approvazione del consiglio comunale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.