Luci di Natale, ancora molti negozi mancano all’appello

LUCCA - Sono numerosi i negozi del centro storico che non hanno ancora aderito all'illuminazione natalizia, anche in strade particolarmente importanti come il Fillungo. La colpa non è soltanto delle grandi catene, ma sopratutto dei negozi storici.

- 1

Ci risiamo. Nonostante il largo anticipo con cui è stato presentato il progetto per le luci natalizie in centro città, emergono ancora le medesime criticità degli scorsi anni, con numerose strade principali che rischiano di rimanere al buio, tra cui via Fillungo. Colpa, secondo la nota diffusa dal centro commerciale naturale di Confcommercio e dall’assessorato alle attività produttive, dei numerosi negozi che non hanno ancora aderito all’iniziativa. Ma se negli anni passati gran parte della colpa era stata attribuita allo scarso interesse evidenziato dalle grandi catene, la verità che emerge dagli ultimi dati è tutt’altra: dei 75 negozi del Fillungo che non hanno ancora aderito, solo 15 sono di grandi catene.

 

E mentre si stanno già posizionando le luci sulla facciata del Teatro del Giglio, con il pentagramma luminoso che dovrebbe irradiarsi lungo tutte le vie del centro, il presidente del centro commerciale naturale Matteo Pomini richiama tutte le realtà produttive cittadine ad unirsi a questo progetto, sicuramente oneroso, dal costo di circa 140 mila euro. Soldi in parte finanziati dal Comune, in parte da reperire tra i privati, tra cui anche sponsor esterni. L’assessore Mercanti però è stata categorica: ogni sponsorizzazione andrà a rafforzare l’illuminazioni nelle strade con più del 70% delle adesioni, non a tappare buchi dove non sono state pagate le quote necessarie. Commercianti del Fillungo avvisati.

 

 

Commenti

1


  1. Questo “finanziamento” del comune mi sembra un clamoroso spreco di risorse in un periodo come questo in cui ci sono tanti altri progetti da portare avanti. Progetti che hanno a che fare con il vero benessere dei cittadini di tutto il comune. Un’ amministrazione comunale degna di questo nome non ci dovrebbe neanche pensare all’illuminazione natalizia che, eventualmente, porterà vantaggi solo ad una parte di una categoria produttiva cittadina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.