Montemagno: 800 anni di storia caduti in un secondo

CAMAIORE - 800 anni di storia (e un pezzo di vita di una comunità intera) andati persi in una notte di maltempo furibondo. Il forte vento di questa notte, unito alle incessanti piogge, ha segnato la fine dell'antico leccio monumentale di Montemagno, schiantato al suolo giù dalla collina di valico da dove sovrastava Camaiore e salutava il passaggio verso la Lucchesia.

- 5

Un risveglio tristissimo per i residenti della frazione camaiorese, che si sono riuniti commossi intorno alle spoglie di quello che è stato per secoli un simbolo e una certezza. Il maestoso albero – dalla circonferenza di 4,2 metri e un altezza che sfiorava i 20 metri – era da molti anni in parte marcito al suo interno. Ma secondo Leonardo Moriconi, giovane di Montemagno, neolaureato in Scienze Agrarie con una tesi proprio sul grande leccio, è la cronaca di una morte annunciata.

Una perdita che stravolge il paesaggio per chi arriva da Camaiore e da Lucca. Sarà impossibile sostituire quel nobile leccio, caro anche a Giorgio Gaber, che usava leggere al fresco sulla panchina nei suoi soggiorni versiliesi.

A breve è attesa l’ordinanza del Comune per preservare i resti del leccio da qualasiasi ulteriore danneggiamento così da poter garantire un intervento che ne tramandi il ricordo.

 

 

 

Commenti

5


  1. Quando muore un albero muore una vita


  2. L’acqua il vento e le piogge non c’entrano perché l’albero aveva problemi causati dagli anni, dai mezzi in quel tratto di strada e dal palo della luce, la cementificazione…ecc


  3. Il tempo scorre per tutti, trascinando nel buco nero dei ricordi anche ciò che sembrerebbe Indistruttibile. E’ di questi giorni la notizia che il maltempo ha stroncato il grande leccio di Montemagno che marcava il confine fra Camaiore e Lucca. Aveva vissuto 800 anni
    fornendo un riferimento geografico, ma anche e soprattutto un punto di riposo e di ristoro per chi aveva scelto di seguire la traccia della via francigena per andare, attraverso Lucca, verso sud. Una fonte d‘ acqua sempre fresca faceva si che il luogo diventasse naturalmente un riferimento e un punto d’incontro per coloro che per piacere o per lavoro, a piedi, a cavallo, o in bicicletta, oltre che coll’auto si erano trovati a percorrere la strada che collega Lucca alla Versilia.
    Forse sarà rimpiazzato da una pianta giovane, ma niente potrà avere il fascino e il significato della vecchia quercia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.