Arcipelago pulito: pescherecci viareggini a caccia di plastica

FIRENZE - "Arcipelago Pulito" si allarga: da oggi il progetto sperimentale toscano per ripulire i mari dall'invasione di plastica con l'aiuto dei pescatori comprende ufficialmente anche Viareggio. In Regione è stato infatti firmato il nuovo protocollo di intesa.

-

A Livorno – già operativa – si aggiungono Viareggio, Porto Santo Stefano e Porto Ercole sull’Argentario, Castiglione della Pescaia e Piombino. I porti con il maggior numero di pescherecci. 105 in tutto, di cui 44 a Viareggio, la prima flotta della Toscana.

La novità ulteriore, rispetto alla prima sperimentazione condotta nel 2018 a Livorno, è che saranno i Comuni stessi, con un proprio e successivo disciplinare, a definire le filiere locali dalla raccolta allo smaltimento. A Viareggio il progetto – oggi pronto a partire – è in cantiere da tempo e vede coinvolti Comune, Sea, Cittadella della Pesca e Navigo.

A Livorno sei piccoli pescherecci con reti a strascico hanno raccolto in mare diciotto quintali di rifiuti (il 20 per cento si sono rivelate plastiche riciclabili), pari ad un volume di ventiquattromila litri.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.