Lippi lascia la Cina dopo il ko con la Siria: “‘Guadagno tanto,mi assumo le colpe”

CALCIO - Era tornato a sedersi sulla panchina della Cina a maggio, a quattro mesi dall'uscita maturata subito dopo l'eliminazione dei Dragoni rossi dalla Coppa d'Asia. Stavolta però la brutta sconfitta rimediata contro la Siria, oggi sul neutro di Dubai e che pregiudica il cammino mondiale della nazionale di Pechino, ha portato Marcello Lippi alle clamorose dimissioni.

-

“La Siria ha giocato meglio di noi e ha meritato la vittoria – le parole del ct campione del mondo con l’Italia nel 2006 in conferenza stampa – Se i giocatori in campo non mostrano voglia di lottare e coraggio, la responsabilità è dell’allenatore e per questo motivo mi dimetto. Io ho uno stipendio altro, altissimo e per questo devo assumermi le mie responsabilità”.
Lippi, che aveva guidato la Cina dal 2016 e per 31 incontri, aveva firmato a maggio un contratto annuale (riservate le cifre, ma si parla di un ingaggio superiore ai 20 milioni di euro), subentrando a Fabio Cannavaro che ricopriva l’incarico ‘ad interim’ in contemporanea a quello di allenatore dell’Evergrande di Guangzhou, club del quale peraltro lo stesso Lippi è stato la guida per alcuni anni, vincendo tutto quel che poteva, scudetti, Champions asiatica e trofei vari. Dopo la rinuncia di Cannavaro, la CFA aveva convinto Lippi a tornare, con l’obiettivo, quasi l’ordine, di qualificarsi per i Mondiali del 2022 in Qatar, accompagnando l’annuncio del’ingaggio con parole impegnative: “da quando ha allenato la Nazionale, la squadra ha dimostrato uno spirito positivo e una tenace postura combattiva”; inoltre “crediamo che sotto la guida di Lippi e del suo team, la Nazionale possa avere un grande impatto sui sogni in Coppa del Mondo”.

Un ritorno sulla panchina che era stato salutato con favore dai media e sui social, e verosimilmente dal primo tifoso e grande appassionato di calcio, il presidente Xi Jinping. Il capo di Stato cinese il 22 marzo, in occasione della cena di gala al Quirinale in onore della sua visita in Italia, ruppe addirittura il cerimoniale per salutare Lippi, uno dei 170 ospiti del presidente Mattarella. Oggi l’epilogo e la fine dell’avventura cinese del 71enne tecnico viareggino.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.