Madonnina: lavori per 4 milioni in due anni, rivoluzione tra le concessioni

VIAREGGIO - Al via i lavori per il rilancio della Madonnina. Una road map, quella annunciata dall’amministrazione comunale in accordo con iCare e con il supporto tecnico di Navigo, che prevede di qui al 2021 un investimento totale di 3milioni e 950mila euro. 

- 1

Primo step la sistemazione delle attuali banchine, entro maggio 2020, per un investimento pari a 450mila euro. Poi la realizzazione del pontile 9 entro marzo 2021 per un totale di 3milioni di euro, e la messa in opera dei nuovi pontili 1 e 8 e landscaping entro maggio 2021, con altri 500mila euro di investimento.

iCare S.r.l., società in house del Comune di Viareggio, dal 1 agosto 2019 , come noto, è divenuta concessionaria dell’approdo turistico “La Madonnina”, oltre che delle banchine “Ceina” e “Antonini”, succedendo così alla Viareggio Porto S.r.l. Nell’immediato futuro – fa sapere l’amministrazione comunale – è prevista la costituzione di una nuova società partecipata al 50% da iCare e al 50% dalla Regione Toscana, con la volontà, da parte del Comune, di acquisire le quote iCare nei prossimi tre anni.

Uno degli obiettivi dichiarati dal sindaco Giorgio Del Ghingaro, già in estate in occasione dell’accordo firmato con il governatore Rossi, è dare finalmente una funzione al Triangolino, destinato – grazie ad ulteriori investimenti che arriveranno – ad ospitare ormeggi per yacht di lusso.

iCare intanto si appresta a fare ordine tra le concessioni dei circa 500 approdi turistici. “I prezzi non aumenteranno finchè non saranno terminati i lavori” – spiega il Presidente Moreno Pagnini – “ma ogni posto sarà monitorato in un’ottica di trasparenza, correttezza ed equità.” Le irregolarità, insomma, non saranno tollerate come capitato invece in passato.

Tant’è che i diportisti che vorranno assicurarsi il posto barca per il 2020, dal momento che i contratti attuali sono considerati non più validi, dovranno dimostrare al momento della richiesta di rinnovo “l’avvenuto pagamento di quanto dovuto finora, sia nei confronti della vecchia Viareggio Porto che di iCare”. Impossibile sarà cedere l’approdo ad un altro diportista. Sempre al momento del rinnovo infatti si dovrà dimostrare “la piena corrispondenza fra assegnatario e proprietario” della barca.

Commenti

1


  1. Allora la metà non avranno più il posto! ah ah ah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.