Il dissesto di Massarosa impugnato al Tar: “E’ un atto politico”

MASSAROSA - Un dissesto politico e non tecnico, non supportato da elementi legittimi. Su queste basi l'ex amministrazione Mungai di centrosinistra, oggi opposizione, si appresta a impugnare di fronte al Tar Toscana la delibera con cui la giunta Coluccini ha dichiarato il fallimento del Comune di Massarosa lo scorso 26 novembre.

- 2

In una affollata sala consiliare l’ex maggioranza al completo, affiancata dall’avvocato Giancarlo Altavilla e dall’onorevole Umberto Buratti (Pd), ha difeso le ragioni del no al dissesto, che poteva – o forse ancora può – essere evitato, per risparmiare ai massarosesi cinque anni di tasse al massimo, di investimenti pubblici azzerati e servizi ridotti.

L’ex sindaco Mungai ha ribadito la natura politica della dichiarazione di dissesto, fatta sulla base delle valutazioni di una società esterna di consulenza, la Auser Consulting, “che fa capo a esponenti delle Lega toscana”. Inoltre, denunciano le minoranze, non sono mai state consegnate le simulazioni del piano di riequilibrio finanziario che la giunta Coluccini ha elaborato di prima di dichiarare il dissesto.

Commenti

2


  1. Peccato che il Tar non abbia grandi poteri, è un ente la cui decisione spesso viene annullata da organi legali più qualificati. Ad ogni modo sono d’accordo sulla decisione presa dall’ex amministrazione Mungai.


    • Forse è meglio che non abbia grandi poteri il Tar…altrimenti qualcuno potrebbe venire arrestato per quello che ha combinato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.