Lapideo, Cna vicina alle imprese multate

PIETRASANTA - Dalle Regione si muovono i primi passi verso le imprese del marmo dopo i controlli da parte della Capitaneria sulle problematiche ambientali e della sicurezza.

-

Dalle Regione si muovono i primi passi verso le imprese del marmo dopo i controlli da parte della Capitaneria sulle problematiche ambientali e della sicurezza. Controlli che di recente hanno portato a sanzioni amministrative rilevanti – fino a 15 mila euro – oltre all’attivazione di procedure penali e, in alcuni casi, anche di sequestri di macchinari.

L’impegno da parte dell’ente regionale guarda alla semplificazione burocratica, attraverso l’emanazione, entro trenta giorni, di linee guida per aiutare l’interpretazione della norma. Al primo tavolo di confronto tenutosi a Firenze ha preso parte l’assessore regionale Federica Fratoni e oltre 40 partecipanti tra organizzazioni imprenditoriali e sindacali, staff tecnico, Arpat, Capitaneria. L’ente portuale ha dichiarato, in accordo con le procure, di attivare la procedura della prescrizione, che consente alle imprese di avere a disposizione 90 giorni di tempo per adempiere alle normative.

Sulla base di quanto emerso in Regione, si è tenuta una assemblea di Cna a Pietrasanta, alla presenza anche dell’amministrazione locale e di quella di Seravezza. Dal mondo delle imprese artigiane c’è l’impegno a sostenere le imprese del territorio già multate, con una consulenza specifica che consente di trasformare le sanzioni in prescrizione.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.