Lucchese attende il Vado; Monaco lancia il centravanti Iadaresta

CALCIO D - Domenica prossima i rossoneri chiudono il girone di andata e il 2019 al Porta Elisa contro il Vado, formazione ligure che naviga nelle zone basse della classifica. Monaco, ancora squalificato, però non sottovaluta l'impegno e vuole una prova di grinta e carattere. Iadaresta subito al centro dell'attacco.

-

 

Fatto 30 ora bisognerebbe fare 31, tanto quanti i punti che la Lucchese potrebbe avere domenica sera nel caso che riuscisse a battere il Vado. E’ infatti contro la formazione ligure che Nolè & C. chiuderanno il girone di andata, la prima parte di un campionato e di una stagione partita in folle, per non dire in retromarcia, e che si sta chiudendo in quinta, In forte accelerata. In tutti i sensi. Contro i rossoblu liguri la Lucchese andrà a caccia dell’undicesimo risultato utile consecutivo e di una striscia davvero bellissima che ha permesso di risalire in modo impetuoso la classifica. La vittoria di domenica scorsa a Bra timbrata dal quinto sigillo di Michel Cruciani apprezzatissimo ospite giovedì sera di “Curva Ovest”, ha ribadito la solidità della compagine di Monaco che tra l’altro sconterà la seconda giornata di squalifica: al suo posto in panchina il mitico Toni Carruezzo.

Al Porta Elisa, che si spera domenica sia più gremito del solito, la Pantera ha ruggito e costruito parte del suo bel gruzzolo di punti. Chiaro però che il Vado andrà affrontato subito col piglio giusto senza rischiare di complicare troppo le cose come successe due settimane fa contro la stessa Lavagnese col match risolto solo nel concitato finale dalla zampata di Papini. Intanto si profilano diverse novità in formazione. In difesa Nolè potrebbe trovare una maglia da titolare sulla sinistra mentre in mediana Fazzi dovrebbe affiancare Cruciani. Quasi inedito il volto dell’attacco dove a parte Nannelli le ghiotte novità saranno Gallon ad agire da esterno e l’attesissimo Iadaresta nel ruolo di centravanti. La rifinitura di sabato scioglierà gli ultimi dubbi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.