Bimbo caduto, il Comune risponde: “I genitori devono sorvegliare i minori”.

LUCCA - E' arrivata subito la risposta del Comune alla famiglia Magnin. "Chi fruisce di questo monumento - si legge in un comunicato di palazzo Orsetti - è reso consapevole della peculiarità dello spazio che sta percorrendo e, in particolare, i genitori hanno il dovere di sorvegliare i minori, qui come ovunque del resto".

- 1

“I legali della famiglia Magnin – prosegue l’amministrazione comunale – hanno a disposizione gli strumenti giuridici per portare avanti le ragioni dei loro clienti e l’amministrazione ha altrettanti strumenti per sostenere, al contrario, la propria posizione sull’incidente”.

“In questo contesto – prosegue la nota – ciò che stupisce è la volontà, espressa dagli stessi legali della famiglia Magnin, di trasferire la battaglia dal piano giuridico a quello politico, coinvolgendo le forze di opposizione elette in consiglio comunale. Qual è l’intento dell’avvocato Piero Magri? Forse quello di esercitare una pressione indebita sui magistrati che stanno seguendo la causa in corso? Se così fosse, infatti, le affermazioni dell’avvocato sarebbero gravissime e assolutamente contrarie al nostro ordinamento giuridico, che prevede una precisa separazione dei poteri dello Stato”.

Commenti

1


  1. Purtroppo questa volta devo dare ragione all’amministrazione comunale . Quando si predende attenzione da parte dei genitori. Ma la solita pretesa bisogna esigerla anche oltre le mura…. troppe volte i bambini vengono lasciati liberi…troppo liberi. Però se invece di cadere dalle mura. Dove si vuol dare solo colpa alla mancata supervisione dei genitori. Perché quando per negligenza finisco sotto un auto….la colpa è solo del automobilista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.