C’era una volta in Eccellenza: quelle due volte di Lucchese-Ghivizzano

CALCIO D - Al di là della partita di andata (finita 1-1) risalgono alla stagione 2011/2012 in Eccellenza gli unici precedenti in campionato tra Lucchese e Ghiviborgo all'epoca ancora Ghivizzano. All'andata perentoria vittoria (5-1) dei rossoneri che però nel girone di ritorno furono bloccati (1-1) al Porta Elisa.

-

 

Nell’aria friggeva ancora la rabbia per il secondo fallimento nel breve volgere di tre anni della Lucchese che ripartì dall’Eccellenza con la nomea di FC Lucca. Era il campionato di Eccellenza dell’anno di grazia (si fa per dire) 2011/2012 e si ripartiva dalle ceneri di un’altra estate folle. Quella squadra ripartiva grazie all’impegno di alcuni imprenditori lucchesi che ci misero il cuore e afffdarono le sorti tecniche al mitico “Ruspa” Bruno Russo. La prima giornata vide di fronte il Lucca FC e il Ghivizzano. La partita si giocò al comunale di Porcari e il pubblico della Pantera rispose in modo a dir poco magnifico. Come sempre. Anche la squadra sul campo seppe fare altrettanto bene rifilando un secco 5 a 1 alla squadra allenata da Emanuele Venturelli. Non ci fu davvero partita e la Lucchese (dai chiamiamola così) si esaltò. Tripletta di Constantin e rete anche dell’allora 41enne Alberto “Lo Sparviero” Francesconi.

Ci fu più partita, anzi ci fu partita, nel match di ritorno giocato al Porta Elisa che si concluse in parità 1 a 1. Lucchese in vantaggio con Petroni e sembrava l’inizio di un altro monologo. Ma non fu così. Stavolta il Ghivizzano se la giocò e bene. Trascinato da un imprendibile Damiano “Locomotiva” Biggi pervenne al pareggio grazie ad un perentorio colpo di testa dell’ex di giornata Corrado Ferracuti. Nella ripresa ci furono  occasioni da ambo le parti. E nel finale un episodio da libro Cuore. Tosto si infortunò e perse palla ai 25 metri ma gli attaccanti biancorossi con grande senso di sportività si fermarono tra gli applausi scroscianti di tutto lo stadio. E domenica si giocherà la quarta sfida ancora al Porta Elisa.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.