Buona gara della Geonova ma la vittoria va ad Alba 61-62

BASKET B - Buona prova della Geonova che al Palatagliate ospitava la Olimpo Alba squadra avanti di una sola posizione ai biancorossi ma con ben 8 punti di distacco. I ragazzi di Catalani lottano fino alla fine perdendo di un solo punto, 61-62 e forse hanno da recriminare solo i troppi palloni persi con il gioco da tre, a volte superfluo.

-

Si inizia con un minuto di silenzio, come su tutti i campi da basket, in ricordo dell’indimenticabile Kobe Bryan.

Kushchev sulla palla a due di inizio gara, passaggio a Banchi e primi due punti, Geonova lanciata per un mini parziale di 5/0, Alba che non ci stà e risponde con un suo parziale da 8/0.

Alba che con Traditi e Coltro allunga fino ad un vantaggio da doppia cifra, è Drocker ad accorciare le distanze, alla prima sirena il tabellone dice 15/20.

Secondo quarto buono per i padroni di casa che impattano sul 20 pari, ma una bomba di Del Debbio che dopo qualche giro sul ferro esce e un paio di liberi che subiscono la stessa sorte permettono agli ospiti di riportarsi in vantaggio sul 27/32 a tre e venti dal riposo lungo.

Rossi e Tarditi allungano ancora, mentre per la Geonova, Bartoli e Kushchev recuperano punti fino alla sirena, che manda tutti negli spogliatoi sul punteggio di 31/37.

Prende il via il terzo quarto e tutto sembra seguire in modo pedissequo quanto fatto nei due quarti precedenti, Lucca che insegue e Olimpo Basket Alba che detta le regole allungando di nuovo fino al più undici.

Ma se davvero c’è da dire qualcosa su questa partita e elogiare qualcuno, sono i ragazzi della Geonova, tanta grinta, tanta voglia di dimostrare il loro valore ed ancora splendidamente riescono a recuperare il gap.

Ad inizio quarto tempo impattano gli ospiti sul 54 pari, ancora sette minuti da giocare e una partita che si deve sempre decidere, Okiljevic sigla il sorpasso, è la prima volta che la Geonova si trova avanti, pareggio degli ospiti, poi una palla rubata da Drocker gli permette di involarsi a canestro per il nuovo più due a quattro e cinquanta dal termine.

Traditi dall’area e Rossi dalla lunetta riportano avanti l’Olimpo Basket, ma è Banchi con una tripla a far rimettere il naso avanti alla sua squadra.

Sul tabellone restano quaranta secondi da giocare mentre si legge 61/60, Olimpo in attacco e canestro 61/62 palla in mano e solo sedici lunghissimi secondi per tentare di ribaltare la sorte, ma non sempre avvengono i miracoli e i due punti vanno ai piemontesi.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.