Incidente di Mutigliano: i sindacati annunciano la linea dura

LUCCA - Sul caso dell'incidente avvenuto giovedì di fronte all'istituto Agrario di Mutigliano, dove uno studente 14enne è rimasto gravemente ferito, i sindacati Filt-Cgil (Simone Vincenti), Fit Cisl (Nicola Da San Martino), Ugl Fna (Cipriano Paolinelli), Uil trasporti (David Zullo e Fabrizio Burgalassi) e Faisa Cisal (Andrea Betti), optano per la linea dura.

- 2

Concetti ribaditi nel corso di una conferenza stampa svoltasi sabato mattina proprio sul luogo del’incidente. Risposte e interrogativi rimasti sospesi da anni in merito alla sicurezza in questa zona. Sottolineato ancora una volata che dal Ponte del Giglio fino all’Istituto Agrario la viabilità è del tutto inadeguata per i mezzi pubblici, sia strutturalmente, ma anche perchè manca la gestione: la strada è stretta e in più vi circolano alla stessa ora scuolabus in spola al comprensivo, auto di genitori e docenti, ragazzi a piedi, e due circolari. In più nella piazza dove si deve far manovra e fermarsi per caricare i ragazzi non c’è l’ombra di una  fermata individuabile come tale: non c’è segnaletica orizzontale.

Il fatto, per i referenti della categoria trasporti di tutte le sigle, e anche per il preside del polo scolastico, Massimo Fontanelli che con la dirigente dell’Istituto comprensivo Emilia Ciampanella, si è unito alla conferenza stampa dei sindacati, è poter gestire l’orario in modo che i ragazzi escano di scuola quando già le circolari sono arrivate e sono ferme. Ma se i bus non possono quantificare il ritardo per via degli ingorghi il rebus resta. Per questo, ha sottolineato il dirigente scolastico Fontanelli, da tempo è stato chiesto al Comune un incontro in cui possa essere concertata una soluzione. Il tavolo ci sarà martedì. Un tavolo al quale non sono stati invitati i sindacati che da parte loro si riservano, a partire dallo stesso giorno, di avviare le procedure di raffreddamento previste dalla legge per poi  bloccare il servizio per le scuole di Mutigliano. Questo finchè non ci saranno risposte in merito alla sicurezza chiesta da anni.

Commenti

2


  1. Successe un fatto analogo nel.1980 più o meno durante l’uscita della scuola media a lammari. Purtroppo si chiede sempre agli altri di stare attenti…Ma se i ragazzi avessero un minimo di TESTA e attendessero che i mezzi fossero fermi. Non succederebbe niente


    • Guardi, capisco il suo punto di vista, un fatto simile, ma fortunatamente di minor entità, successe pure a me! Conosco bene il mondo degli autobus dato che mio padre ha fatto l’autista per 40 anni e mi ha sempre istruito su come bisogna comportarsi! Nei primi anni ’90 presi l’autobus sbagliato e mentre il bus era ancora fermo scesi, ma l’autista mi chiuse ugualmente dentro la porta, risultato: colpo alla testa ed una mano tagliata piena di sangue! L’autista prese e se ne andò! CI VUOLE ATTENZIONE DA AMBO LE PARTI! Se uno non sa le dinamiche bisogna che taccia! Non è sempre colpa dei ragazzi e non è sempre colpa degli autisti! Ci sono ragazzi che hanno testa e chi no, esattamente come gli autisti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.