La tradizione dei presepi; premiati grandi e.. piccini

BARGA - In una sala consiliare completamente gremita, a Palazzo Pancrazi, si è svolta sabato mattina la cerimonia di consegna del premio “La Tradizione del presepe”, iniziativa ripresa da due anni a questa parte e promossa dal giornale di Barga, dal comune di Barga e dalla Pro Loco Barga con il supporto anche di cittadini.

-

 

Erina Rossi che ha fornito una grande spinta alla ripresa del premio e come Sandro Adami, abile artigiano dei presepi oltre che appassionato, che ha realizzato il bellissimo primo premio: una natività realizzata e dipinta a mano con tanto di movimenti meccanizzati. Un riconoscimento, un attestato di riconoscenza per l’impegno profuso nella valorizzazione della tradizione del presepe, è andato a tutti i presepi realizzati nel comune nelle scorse festività, quelli però che erano stati segnalati via whatsapp e mail al Giornale di Barga e che erano stati realizzati in luoghi visibili a tutti. Per i presepi realizzati dai bambini c’è stata anche una targa a ricordo del loro impegno per portare avanti la tradizione e la soddisfazione più grande è stato proprio vedere la felicità nei loro occhi nel ritirare il premio. In tutto i partecipanti al premio sono stati circa una sessantina e come lo scorso anno è stato scelto un presepe tradizionale che ha colpito in particolare la giuria. La scelta è ricaduta sul presepe che ad Albiano ha allestito, lo fa da oltre settantanni, la signora Graziella Bertolini. Lo ha realizzato nello scorso Natale insieme al nipote Enrico Piacenza. A loro dunque il premio unico di questa edizione. Alla manifestazione hanno preso parte il neo presidente della Pro Loco, Carlo Feniello, il presidente uscente Claudio Gonnelli che ha fatto sul campo un gran lavoro, Erina Rossi, il nostro direttore ed il sindaco Caterina Campani a fare gli onori di casa.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.