Bonus spesa, un milione di euro in arrivo in Versilia

VERSILIA - I Comuni della Versilia si preperano a farsi carico della distribuzione dei bonus alimentari varati dal Governo per sostenere la fasce più deboli rimaste senza occupazione, senza alcun reddito e che non beneficiano di nessun altro aiuto dallo Stato.

-

Partiamo dalle cifre. Poco meno di un milione di euro è destinato ai sette comuni della Versilia, distribuiti secondo popolazione e incidenza dei redditi. La parte del leone ovviamente la fa Viareggio con 333mila euro, segue Camaiore e Massarosa. Il primo ad attivarsi è Seravezza, dove gli uffici del sociale sono già a disposizione per le telefonate. Ma anche gli altri sono al lavoro per farlo nel giro di pochissimo in maniera uniforme.

Ma è scontro sull’utilità della misura.Il sindaco di Massarosa Alberto Coluccini (centrodestra) la definisce “assolutamente inadeguata e insufficiente”. Il governo – afferma Coluccini – scarica sui primi cittadini le aspettative di migliaia di famiglie e la gestione di una situazione sociale esplosiva con risorse irrisorie.

Per il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro “è impensabile poter gestire la situazione lasciandola solo in carico ai Comuni. I buoni pasto aiuteranno solo parzialmente.” – ha dichiarato in Consiglio comunale. “C’è sul territorio un’emersione di nuovi poveri altissima: dovremo con molta probabilità ridistribuire gli stanziamenti del bilancio preventivo approvato poche settimane fa, con un’opera di rimodulazione” – ha spiegato, aprendo al dialogo con tutte le forze politiche per discutere “anche le modalità di distribuzione dei contributi che arriveranno dallo Stato”.

A difendere le misure del Governo è il senatore viareggino del M5s Gianluca Ferrara.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.