Conte: “Rallentiamo il motore industriale ma non lo fermiamo”

PROVINCIA DI LUCCA - Un provvedimento annunciato in tarda serata e la cui definizione ufficiale non è ancora stata firmata ma la decisione del governo di chiudere quelle attività produttive ritenute non indispensabili è andata in contro a quanto richiesto da più parti e a quanto si stava già verificando in numerosi comparti industriali, ad esempio nella cantieristica

-

 Rimangono aperte, secondo la bozza di categorie che è circolata durante tutta la giornata, molte delle categorie industriali presenti nella nostra provincia, come le aziende per la produzione della carta, quelle metalmeccaniche e quelle di produzioni plastiche. Decisione questa che, per talune categorie, ha sollevato la perplessità dei sindacati.

Soddisfatto a metà anche il sindaco di Capannori, uno dei firmatari del documento che era stato inviato al Governo proprio per sollecitare la decisione poi presa in serata.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.