Farmacisti in trincea: banconi chiusi, sportelli esterni e consegne a casa

VIAREGGIO - Oltre a medici e infermieri ci sono loro in prima linea, i farmacisti. Da settimane in trincea in questa emergenza continua. Prima presi d'assalto per gel e mascherine, esaurite ovunque, e oggi sempre più un presidio sanitario rifugio per i cittadini.

-

Le farmacie hanno però dovuto adeguarsi in fretta all’ondata coronavirus. Non solo con servizi a domicilio ma anche con nuove e drastiche misure per proteggere il personale e gli utenti. Alla farmacia Fratti in pineta a Viareggio ad esempio il bancone è stato spostato proprio all’ingresso per non far entrare nessuno.

La Farmacia Calandra, sempre a Viareggio, da domani chiuderà l’ingresso agli utenti e continuerà ad erogare farmaci solo da uno sportello semiautomatico: i farmacisti saranno dall’altra parte del vetro per consegnare i medicinali. E così i contatti sono ridotti a zero. Ad eliminare possibili contatti ci pensa poi la tecnologia.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.