Accordo Kedrion/Kamada un’Immunoglobulina Anti-Covid-19

BARGA - Firmato accordo tra Kedrion e l'azienda istraeliana Kamada per la raccolta del plasma ricavato da pazienti che hanno superato l'infezione da Covid-19 con immunoglobina

- 1

Da Kedrion Biopharma, azienda di Castelvecchio Pascoli leader nella produzione farmaci plasma-derivati, arrivano buone notizie circa la ricerca e la possibile produzione di una cura contro il Covid-19.

Con l’azienda israeliana Kamada, è stata avviata una collaborazione per lo sviluppo, la produzione e la distribuzione di un’immunoglobulina policlonale plasma-derivata Anti-Sars-Cov-2 (Covid-19), come potenziale trattamento per pazienti con Coronavirus.

In base all’accordo Kedrion sarà responsabile della raccolta e della fornitura di plasma da pazienti COVID-19 convalescenti, del supporto alla sperimentazione clinica e della distribuzione negli Stati Uniti, in Europa, Australia e Corea del Sud; Kamada invece dello sviluppo del prodotto, della produzione, della sperimentazione clinica e della gestione delle registrazioni, nonché della distribuzione nei Paesi non di competenza di Kedrion.

Una sinergia importante tra le due realtà – ha affermato Paolo Marcucci, CEO di Kedrion – in un progetto di sviluppo e produzione di un trattamento che possa risultare sicuro ed efficace”

“L’esperienza di entrambe le aziende nel settore dei plasma-derivati fornisce – spiega ancora Marcucci – una competenza unica per sviluppare, produrre e distribuire in tempi brevi una terapia a base di Immunoglobuline Anti-SARs-COV-2. Abbiamo una grande opportunità, ne siamo convinti, per fare ancora una volta la differenza, rispondendo ai pazienti anche in questa situazione così difficile”.

È doveroso sottolineare, specifica un comunicato di Kedrion, come per il momento non vi sia la certezza che lo sviluppo e la produzione di un’Immunoglobulina Anti-SARs-COV-2 avverrà nei tempi sperati e che risulterà in una terapia sicura, efficace e che possa essere autorizzata contro il COVID-19. Ma sicuramente si tratta di un importante passo in avanti nella ricerca di una cura.

 

Commenti

1

  1. Francesco Pierattelli


    L’ aspetto più positivo dell’accordo non è scientifico ma politico.
    Non è scientifico perché non segna nessuna scoperta scientifica, in quanto l’efficacia del
    plasma nella cura del covid-19 era già provata
    ancora prima sugli animali . È politico perché finalmente anche a livello politico si finirà di ostacolare una terapia capace di salvare subito vite.

    .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.