E’ corsa alla mascherina gratuita: appello al buon senso dei farmacisti

VERSILIA - In coda per ritirare le mascherine gratuite della Regione. Scene come questa alla farmacia comunale del Secco a Lido di Camaiore si registrano in diverse zone della provincia e della Versilia da lunedì mattina, cioè da quando da Firenze è partita la distribuzione.

- 7

Un milione e mezzo i pezzi messi a disposizione ogni giorno, da ritirare gratuitamente nei supermercati dalle 9 alle 16, dove vengono consegnate dai volontari, oppure nelle farmacie convenzionate, comunali e private, dove viene registrata la tessera sanitaria o il codice fiscale. Cinque mascherine a testa a ogni settimana per sei settimane fino alla fine di maggio. La Regione conferma che garantirà la fornitura di un milione e mezzo al giorno. “Ce n’è per tutti”, aveva detto il Presidente Rossi facendo un appello al buon senso.

E invece nei supermercati , dove non viene richiesta la tessera sanitaria, c’è chi più e più volte va a ritirare le mascherine senza controllo, facendo esaurire le forniture. E nelle farmacie, spesso prese d’assalto provocando code e assembramenti, le mascherine finiscono già nella prima mattinata.

Dal dottor Giovanni Bergamini della Farmacia Calandra di Viareggio un appello al buon senso rivolto a tutti i cittadini.

 

 

 

Commenti

7

  1. Gino Della Pina


    Buonasera secondo me la cosa migliore è far distribuire le mascherine ai comuni.


  2. Perche non le fanno consegnare a casa dai volontari, così si evita file di persone e di gente che se ne approfitta. È la cosa più semplice e sensata.


  3. Ci viene detto di stare a casa..e poi bisogna uscire per andare in farmacia a prendere le mascherine…possibile che NESSUNO abbia previsto che ai supermercati non chiedendo la tessera sanitaria ci sarebbe stato un accaparramento? Forse qualcuno si è scordato la furbizia di noi italiani?…Non si poteva trovare un’altra soluzione invece di dirottare tutti in farmacia dove già il personale è sovraccarico di lavoro?..


  4. Ma la tessera sanitaria la richiedono ??????


  5. miserabili. come ti regalano uno spillo, tutti ci si fiondano come morti di fame. al diavolo la privacy: nei supermercati dovrebbero chiedere il documento di identità, per evitare saccheggi


  6. rinnovo i miei complimenti alle menti ideatrici di questo metodo di distribuzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.