Fondazione CaRiLucca, 1 milione per le categorie deboli

PROVINCIA DI LUCCA - I contributi fanno parte del bando ‘Categorie sociali deboli e salute pubblica’ 2020, a sostegno di istituzioni e associazioni, molte delle quali impegnate in questi giorni nella lotta al Covid-19 sul territorio della provincia.

-

Contributi per oltre un milione di euro alle categorie piu’ deboli. La Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca ha definito i sostegni che arriveranno a enti, istituzioni e associazioni molte delle quali impegnate in questi giorni nella lotta al Covid-19 sul territorio della provincia di Lucca, e che nei mesi scorsi hanno partecipato al bando ‘Categorie sociali deboli e salute pubblica’ presentando progetti per il 20202.
Proprio la fase emergenziale che stiamo vivendo ha infatti orientato criteri e priorità con cui il CdA della Fondazione CRL, riunito in streaming per l’occasione, ha deliberato i contributi per un totale che supera il milione di euro.
Sono stati assegnati stanziamenti di importo superiore a quello degli anni precedenti alle realtà direttamente coinvolte in questo frangente di urgenza e grande sofferenza del sistema sanitario e assistenziale. Ma le risorse andranno anche a sostenere il proseguimento delle attività ordinarie di molte associazioni del terzo settore, alcune già fortemente sollecitate in questi giorni drammatici, altre fondamentali per supportare le situazioni di fragilità che inevitabilmente emergeranno nei mesi a venire.
Confermati anche i contributi a sostegno dei progetti di cooperazione internazionale in vari paesi del Terzo Mondo, che di certo subiranno un grave contraccolpo dalla crisi mondiale che si sta delineando.
Risorse, dunque, per chi si impegna quotidianamente per la salute e la sicurezza degli altri, che seguono gli stanziamenti d’urgenza grazie ai quali l’ASL Toscana Nord Ovest ha potuto acquistare attrezzature e presidi sanitari per 500 mila euro e che precedono nuovi interventi, attualmente allo studio della Fondazione, a supporto del tessuto sociale ed economico della provincia, profondamente segnato da questa situazione di crisi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.