Il Covid non ferma la tradizione della Baldoria

BORGO A MOZZANO - La comunita' di Cerreto ha seguito a distanza l'accensione del falo' arrivata dopo la benedizione del Parroco. Alla cerimonia ha presenziato solo il sindaco Andreuccetti.

-

Possiamo dire che in questo caso, pur in piena emergenza coronavirus e dunque nel pieno rispetto delle norme e delle regole in corso, la tradizione è stata comunque salvata. Stiamo parlando della millenaria festa della Baldoria che si svolge ogni anno a Cerreto di Borgo a Mozzano. Quest’anno  la manifestazione si è svolta in forma ridotta e nel rispetto rigoroso delle restrizioni, i componenti del comitato del folclore e della tradizione Cerretina  hanno  provveduto ad incendiare un stavolta piccolo, ma tradizionale falò. Dopo la santa benedizione  di don Francesco Maccari  in onore e alla presenza della Madonna del Buon Consiglio,  con il sindaco Andreucetti hanno dato il via  alla Baldoria 2020. Ovviamente niente a che vedere con il tradizionale e suggestivo grande falò  che ogni anno viene acceso, le cui fiamme  normalmente  superano la torre campanaria… quest’anno si è trattato di poco più che del fuoco di una “fascina” ma sufficiente a  salvare la tradizione  che si rinnova di anno in anno  e che sta a significare, nel bruciare i resti delle potature degli olivi, il via libera alla primavera che avanza con l’auspicio  che la terra sia feconda e che dia buoni raccolti.L’evento è stato seguito  anche sui social  da molti cerretini e non,  a conferma dell’interesse che c’è in zona per  questa antica tradizione, che ha radici pagane, ma che oggi è legata alla tradizione cristiana visto che la baldoria si celebra sempre per la festa della Madonna del Buon Consiglio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.