In gita da Viterbo a Viareggio o a fare la spesa lontano da casa: multe da 533 euro a testa

VIAREGGIO - Decine di persone controllate e ben 11 sanzioni effettuate nei confronti di chi si trovava fuori di casa senza un valido motivo. E’ il bilancio degli ultimi controlli del commissariato di polizia di Viareggio.

-

Decine di persone controllate e ben 11 sanzioni effettuate nei confronti di chi si trovava fuori di casa senza un valido motivo.  E’ questo il bilancio dei controlli effettuati nella sola giornata di venerdi dal commissariato di polizia di Viareggio. Il caso più clamoroso riguarda un cittadino di Viterbo  finito nei guai perché ha spiegato di essere in gita a Viareggio. Fortuntamente durante il tragitto non era incappato mai in controlli, ma una volta arrivato in Versilia è stato fermato. La gita fuori porta gli è costata una multa di 533 euro,  cifra prevista per coloro che vengono trovati alla guida dell’auto senza un valido motivo. Un marocchino senza fissa dimora ha pensato invece di trovare riparo all’interno di una pizzeria del centro, dopo averne forzato l’apertura: naturalmente è stato denunciato anche per invasione di edifici e danneggiamento. Un uomo e due donne sono state trovate in giro in auto sulla via Aurelia, lontani dieci chilometri dalla propria abitazione: l’uomo accompagnava le due vicine di casa a fare la spesa, ma come se non bastasse gli accertamente effettuati hanno consentito di verificare che tutti e tre abitano a venti metri da un supermercato. Nel mirino della polizia anche una persona che correva a circa 7 chilometri dalla propria abitazione: si allenava ignaro delle regole previste dalla normativa. Un’altra coppia si stava recando a fare la spesa a Torre del Lago, distante dalla sua abitazione: agli agenti ha raccontato di aver inteso erroneamente che la spesa si dovesse fare nel supermercato più lontano. La chiusura dei parchi pubblici, inoltre, non ha impedito ad un viareggino di passeggiare all’interno della pineta di Ponente, portando a spasso il cane. Due cittadini rumeni, infine, giravano in auto per le strade senza meta. Stanchi di stare in casa. E’ stata questa la motivazione, che non è bastata ad evitare loro la multa.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.