Mons. Giulietti:” Perchè si può andare in autobus ma non alla messa?”

LUCCA -  L'arcivescovo di Lucca, Paolo Giulietti interviene sulla questione relativa alla mancata concessione del Governo all'apertura ai fedeli delle messe, Giulietti si è detto in linea con quanto già dichiarato dalla Conferenza dei Vescovi

- 16

La domanda principale è perchè, nel nuovo decreto, siano state date concessioni a molte attività ma siano rimaste le restrizioni per quanto riguarda la presenza dei fedeli alle celebrazioni eucaristiche.

Nelle scorse ore lo scontro tra la CEI ed il Governo aveva assunto anche toni aspri, che in qualche modo Papa Bergoglio ha cercato di attenuare, invitando al rispetto delle restrizioni per fermare la pandemia. Sul tavolo del Governo ci sarebbe già la data per la riapertura alle celebrazioni, il 10 maggio.

 

Commenti

16


  1. Non è il non è il momento di mostrare i denti e’ il momento della collaborazione per il bene di tutti.

    • Luciano giannecchini


      Siamo in tempo di regime rosso,peggio di quello nero.


    • Un altro uomo di Cristo cge fa il buon pastore del suo gregge e nn si nasconde nell agiato palazzo ma apre ai fedeli sfregiati,addolorati,vilipesi e illegalmente privati della libertà e del diritto di culto…basta far vincere il demonio del laucisno e del pensiero unico relativo..noi siamo Cristiani Cattolici e senza l’ Eucarestia,la comunione della messa non possoamo vivere


  2. La preghiera collettiva in chiesa non è una priorità. Organizzate le messe in videoconferenza.

    Sono ben altri i problemi!!!!

    • Pier giovanni masini


      Non e’una priorita’ per chi non ne sente il bisogno una cosa e’ vederla alla tv altra cosa e partecipare all’Eucarestia viva e vera

  3. Giorgia Gistici


    Grazie Monsignor Paolo Giulitti


  4. Il Papa “In questo tempo, nel quale si incomincia ad avere disposizioni per uscire dalla quarantena, preghiamo il Signore perché dia al suo popolo, a tutti noi, la grazia della prudenza e della obbedienza alle disposizioni, perché la pandemia non torni”, dunque il Mons. preghi e non rompa


  5. Bravissimo Monsignore avete ragione al 100%
    Avete visto il video della messa interrotta? Blasfemi
    Riapriamo le chiese subito , Perché i negozi e tabacchini sono aperti e le messe chiuse?
    Governo ateo e collaborazionista dei Massoni di Soros,Rothschild,Rockfeller
    Bergoglio vergognati antipapa svegliati …anche tu sei amico dei massoni al governo europeo, empio baciatore di idoli amazzonici del pachamama…
    Non hai detto nemmeno una parola sulle messe interrotte dai pretoriani ..
    Molto meglio di te come papà Don Lino Viola un combattente di Dio vecchia scuola,


  6. La risposta penso sia semplice..
    Perché oggi al governo c’è chi non vede di buon occhio la chiesa è se può cerca di metterla in difficoltà..io mi sento come i primi Cristiani che disobbedivano, a costo della vita
    A Roma


  7. Vogliamo far risalire i contagi? Prima pensiamo alla salute. Anche oggi 382 decessi ieri 333, quindi sono saliti non sono numeri sono persone. In Germania hanno liberato i contagi stanno risalendo. Il nemico non è sconfitto.


  8. ahahaha… litigi in famiglia fra cattocomunisti

  9. Andrea Vassalle


    Perché se tutte le mattine m’accompagna lei a lavoro, monsignore, evito di prendere l’autobus.
    Con quello che risparmio di biglietti lo darò nell’obolo domenicale.


  10. io sono d’accordo caro monsignore a patto che tutti i nuovi contaggiati se li cura Lei nella sua parocchia.


  11. Un autobus o un treno servono per raggiungere il luogo di lavoro. Chi ha fede, può pregare anche da solo, nel tinello di casa. Dio vede e – speriamo – provvede

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.