Quattro residenze per anziani commissariate dalla Asl in provincia di Lucca

PROVINCIA DI LUCCA - Sono quattro le residenze sanitarie per anziani private della provincia di Lucca commissariate dalla Asl, subentrata nella gestione delle strutture gravemente colpite dal Covid-19. E' il primo effetto della task force schierata dalla Asl Toscana nord ovest per monitorare e gestire le RSA del territorio.

- 1

94 in tutto a livello provinciali gli anziani positivi, ospiti delle quattro rsa, dove si sono registrati anche numerosi decessi. La situazione più critica in Versilia, dove sono due case di riposo prese in mano dalla Asl e trasformati in cure intermedie di terzo livello. Villa La Guidara a Marina di Pietrasanta (38 ospiti positivi) e Villa San Lorenzo a Seravezza (25 ospiti positivi).

Stessa sorte, con subentro della Asl, anche per la Rsa La Perla di Lammari, 16 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello, così come in Garfagnana per la Paoli Puccetti di Gallicano (15 ospiti positivi).

A livello territoriale Asl Toscana Nord Ovest, sui 4.680 ospiti nelle 119 RSA e RSD del territorio (ambiti di Massa Carrara, Lucca, Livorno, Pisa e Versilia) sono stati effettuati 2.590 tamponi e 2.423 test sierologici: 320 sono stati gli anziani trovati positivi, i decessi sono stati 73.

Sugli operatori che lavorano nelle strutture, 4.620 in tutto, stati effettuati ad oggi 2.231 tamponi e 2.321 test sierologici. I positivi al momento risultano 111. Sono quindi stati controllati territoriali, con percentuali di positività intorno al 6% per gli ospiti ed al 2% per gli operatori.

I test si inseriscono in un piano complessivo della Asl su tutto il personale sanitario.

 

Commenti

1


  1. Un anziano, non deambulante, quasi non vedente, con problemi di udito. I primi di settembre del 2014 vola con la sedia a rotelle giù dalle scale di accesso della RSA che lo doveva assistere. Nessuno ha fatto nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.