Cinema e teatri fermi, l’appello degli artisti: “Senza cultura non si riparte”

PROVINCIA DI LUCCA - Spettacoli, eventi e concerti rimangono, anche nella fase due bis, i grandi esclusi dal tema della ripartenza dopo il Coronavirus, perché sono anche i più difficili da riorganizzare.

-

Dietro le quinte c’è un mondo inesauribile fatto di sarte, macchinisti, tecnici, comparse e non sanno quando potranno ricominciare a tornare in pista se si devono rispettare le distanze. Da oltre due mesi sono completamente fermi e in un settore dominato dal lavoro nero per molti è impossibile anche accedere ai sussidi statali. Il settore – secondo i protagonisti delle emozioni dal vivo – ha necessità di ottenere aiuti concreti e di ripartire al più presto.

Se non si investe nella cultura – secondo l’attrice lucchese Giulia Perelli – non si può parlare di ripartenza nel vero senso del termine. La stessa filiera del turismo dipende fortemente dal mondo della cultura e dell’arte che se continua a rimanere fermo produrrà danni ulteriori al sistema economico che da lunedi si prova a far ripartire.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.