Gli albergatori: “Nessuna certezza, ma tante richieste”

VERSILIA - Dopo mesi di angoscia dovuta all’incertezza, secondo la presidente degli albergatori di Lido Maria Bracciotti è doveroso adesso pensare positivo. Le richieste numerose arrivate in questi primi giorni di maggio fanno ben sperare. Se non adesso, il turismo in qualche modo ripartirà.

-

Potrà forse essere un’ occasione per rilanciare un turismo diverso in Versilia. Quello di cui le associazioni di categoria parlano da anni. Puntare solo sul mare significa adagiarsi e quest’anno potrebbe essere il momento di valorizzare altre bellezze e dare una svolta al futuro, il dopo coronavirus. Dopo mesi di angoscia dovuta all’incertezza, secondo la presidente degli albergatori di Lido Maria Bracciotti è doveroso adesso pensare positivo. Le richieste numerose arrivate in questi primi giorni di maggio fanno ben sperare. Se non adesso, il turismo in qualche modo ripartirà.

Bisogna però anche essere realisti. E la verità ad oggi è che il settore è fermo, nonostante l’attività non sia bloccata dal decreto. E’ come se lo fosse, però, dal momento che non ci sono direttive precise, nemmeno sulla complessa operazione di sanificazione delle strutture.

In attesa dunque di risposte da Roma, si deve guardare al futuro con una strategia. Secondo Bracciotti, solo chi avrà inventiva e una reputazione alle spalle rimarrà in piedi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.