In un mese in Toscana nuovi contagi ridotti del 70%

FIRENZE - A quasi due mesi dai primi provvedimenti di restrizione, il contagio in Toscana, pur proseguendo, ha ormai trovato un suo evidente trend in discesa. Negli ultimi giorni i nuovi casi sono stati mediamente poco sotto gli 80 con circa 3500 tamponi analizzati. Rispetto ad un mese fa i nuovi casi si sono ridotti del 70% a fronte di una riduzione in Italia del 50%. Lo riferisce in una nota l'Agenzia Regionale per la Sanità.

-

La chiusura delle attività non essenziali e le limitazioni degli spostamenti dei cittadini hanno ridotto, come auspicato, il diffondersi del virus, in particolare riducendo il valore di R0, che rappresenta il numero medio di altri individui che ciascuna persona positiva al virus è in grado di infettare, che è tornato stabilmente sotto 1 a partire dal 10 aprile.

In un’ottica di riapertura sarà fondamentale tenere sotto controllo anche questo indice calcolato per provincia: il trend dei nuovi casi degli ultimi 10 giorni, infatti, ha mostrato una concentrazione territoriale verso la provincia di Firenze, dove è emersa oltre la metà dei casi totali.

E’ salito, fortemente, il numero delle persone guarite. Al tre maggio erano quasi 3.400 (il 35% della casistica totale), più del 60% di queste guarito viralmente (si è quindi completamente negativizzato ed è passato attraverso il controllo di un doppio tampone negativo). L’aumento dei guariti è salito 8 volte tanto quanto la media italiana nell’ultimo mese.

Il trend dei ricoveri è sicuramente il dato più confortante in ottica di riapertura: dal 3 di aprile, giorno in cui si trovavano 1427 persone ricoverate nei reparti COVID, siamo arrivati ieri al numero di 625. Soprattutto le persone ricoverate in terapia intensiva sono più che dimezzate nello stesso periodo (da 297 a 112). Prendendo a riferimento l’ultima settimana di marzo come data indicativa a partire dalla quale le misure di contenimento si stima abbiano cominciato ad avere effetto, si è osservata per i ricoveri totali una riduzione media di più del 45% in Toscana a fronte del 30% in Italia, e di quasi il 50% per le terapie intensive (in Toscana come in Italia).

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.