La nautica si prepara al dopo covid e punta sull’innovazione

VERSILIA - Progettualità e innovazione sono i temi sui cui si sta concentrando l’attenzione delle imprese della nautica che stanno affrontando la fase di ripartenza dopo la chiusura imposta dalle misure contro il Covid-19.

-

Nuovi sistemi di propulsione e efficientamento, ricerca di nuovi materiali, sviluppo di sistemi integrati, di digitalizzazione e di strumenti di controllo e sicurezza. Progettualità e innovazione sono i temi sui cui si sta concentrando l’attenzione delle imprese della nautica che stanno affrontando la fase di ripartenza dopo la chiusura imposta dalle misure contro il Covid-19.

In questi mesi di blocco, Navigo – società di innovazione e sviluppo della nautica – ha avviato una mappatura sulle richieste e le necessità delle aziende associate proseguendo a distanza l’attività di supporto e consulenza.  Il risultato è stato la presentazione di 16 progetti con richiesta di finanziamenti (da quelli messi in campo dalla Regione Toscana fino all’ Unione Europea) per oltre 30 milioni di euro (con valore a fondo perduto di circa 10 milioni di euro) e il coinvolgimento di 50 imprese.

Sui temi della portualità, si registra l’ingresso di nuovi soci nel Consorzio Marine della Toscana e lo sviluppo di strumenti tecnici di gestione delle barche e degli strumenti digitali per porti e marine, come la prenotazione del posto barca e dei servizi on-line e il charter sicuro.

L’assemblea dei soci Navigo si svolgerà nel mese di giugno tramite l’utilizzo di piattaforme innovative.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.