No di Marchini ai posti auto promiscui; Confcommercio attacca: “Inadeguato”

LUCCA - Il Comune respinge la proposta di Confcommercio di individuare posti auto anche per non residenti nella Ztl. E tra l'assessore Marchini e palazzo Sani scoppia la bagarre.

-

E’ stato infatti il titolare della delega alla mobilità a palazzo Orsetti a declinare l’invito dei commercianti, che chiedevano almeno 300 posti auto promiscui. Cioè, stalli gialli nei quali di giorno potesse parcheggiare anche chi non è dotato di permesso.

Marchini ha spiegato di aver condotto una serie di accertamenti e di aver verificato che gli stalli gialli, quelli per i residenti, in questo periodo sono quasi costantemente occupati, al contrario di quelli blu, a pagamento, che rimangono invece vuoti in discreto numero. Conclusione, di posti a pagamento ce ne sono a sufficienza mentre diminuire la disponibilità di stalli gialli potrebbe creare problemi. E per rafforzare le sue conclusioni Marchini ha presentato i dati degli incassi dei parcheggi a pagamento tra il 5 ed il 21 maggio, che sono crollati rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Ma proprio questo raffronto ha mandato su tutte le furie la Confcommercio. Nel periodo preso in esame c’erano ancora le attività commerciali chiuse – dicono i commercianti – che senso ha fare il raffronto con l’anno precedente?

Un ragionamento strampalato quindi, secondo Confcommercio, che accusa l’assessore di essere inadeguato al suo ruolo e di non tenere in considerazione il dramma nel quale stanno vivendo i commercianti in questo periodo. Parole molto dure che fanno presagire l’aprirsi di una larga frattura tra Comune e organizzazione del Commercio.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.