Pietrasanta chiede di bloccare titoli di credito e protesti

PIETRASANTA - Votato dalla giunta comunale un atto di indirizzo per chiedere al governo un provvedimento che ne sospenda gli effetti giuridici per tutto il 2020.

- 2

Blocco, per tutto il 2020, dei titoli di credito e dei protesti a carico delle attività commerciali private degli incassi a causa dell’emergenza. La delibera di indirizzo votata dalla giunta municipale di Pietrasanta fa emergere una problematica molto sentita in particolare dalle imprese commerciali e dai negozi di vicinato. E’ infatti una prassi molto comune quella di rilasciare, all’atto dell’acquisto delle fornitura, titoli di credito con scadenza di pagamento nei mesi successivi. Le attività commerciali, a causa del lockdown, hanno i magazzini pieni di merce invenduta “pagata” con i titoli di credito che non riusciranno a smaltire nemmeno quando avranno la possibilità di riaprire. E Anche una eventuale riapertura, nelle prossime settimane – spiega il vice-sindaco Elisa Bartoli – non attenuerebbe gli effetti della chiusura prolungata.

Commenti

2


  1. Condivido in pieno la richiesta del Sig. Sindaco di Pietrasanta. Basta una volta,per tutti,con l ricatti del protesto.E i signori,che ci governano avrebbero già dovuto provvedere.

  2. Liliana Coteata


    Purtroppo non tutte le ditte sono disponibili a posticipare i titoli. Anzi qualche ditta si è permessa a rispondere con una mail – Non possiamo accontentarla, vi auguriamo buona fortuna. Anche mia attività e stata chiusa. Non avendo l’incassi, non riesco a pagare i titoli. Sono d’accordo con vostra richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.