Versilia viva, le imprese si uniscono: “L’aumento del suolo pubblico non basta”

VIAREGGIO - La Fase 2 porta le imprese del commercio e del turismo a unirsi. E' nata infatti l'associazione Versilia viva, sorta a Viareggio sulla scia della consegna delle chiavi al sindaco da parte di circa 500 attività cittadine.

-

Una protesta pacifica e un gruppo autonomo e apolitico, così la definisce il capofila Fabio Gentili, ristoratore della Darsena, che raccoglie intorno a se albergatori, balneari, bar, negozi e liberi professionisti da Torre del Lago a Forte dei Marmi. Tra gli altri promotori noti commercianti come Carmelo Donzella, Nicola Stagi, Marco Prati e Irene Benamor della Viva Communication che cura il settore marketing.

Tra i temi in agenda l’estensione del suolo pubblico alle attività, su cui molti sindaci si stanno confrontando per concedere il 50% in più di superficie esterna.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.