11 anni dalla strage di Viareggio: nessuna cerimonia pubblica

VIAREGGIO - Per la prima volta dopo dieci anni non ci sarà nessuna cerimonia pubblica in memoria delle 32 vittime dell'incidente ferroviario di via Ponchielli, di cui lunedì 29 giugno ricorre l'11esimo anniversario.

-

I familiari hanno provato in tutti i modi a organizzare una manifestazione che potesse rispettare le restrizioni anti-Covid ma alla fine si sono arresi di fronte al rischio fortissimo di assembramenti. Saltano i convegni, non ci sarà il corteo e neppure il presidio nel piazzale della Pam in attesa delle 23.48, l’ora dell’esplosione del vagone gpl.

Una decisione sofferta, come ha ricordato Daniela Rombi, che con la sua famiglia sarà singolarmente in corteo come sempre ha fatto negli ultimi dieci anni. Il Mondo che Vorrei fa un appello a tutta Viareggio e non solo per ricordare i 32 morti di via Ponchielli con candele, lumini o bandiere dai balconi. Bandiere – donate alle associazionid ei balneari – che sventoleranno sulle spiagge di Viareggio e Lido di Camaiore. Lo stesso pontile come il Teatro del Giglio di Lucca, la Torre Matilde di Viareggio saranno illuminati con lo stemma dell’associazione. Sabato sera il Gianni Schicchi in Cittadella, serata inaugurale del Festival Pucciniano, si aprirà con un minuto di silenzio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.