Scuola, 2500 precari stabili e nessun posto in più per il sostegno. La Cigl: “Situazione grave”

PROVINCIA DI LUCCA - 2500 precari stabili. Il dato allarmante ben descrive lo stato di salute dell’insegnamento scolastico nella nostra provincia. Docenti a cui ogni anno viene rinnovato il contratto ma a cui non viene data l’opportunità del ruolo.

-

È una vera e propria emergenza quella che si sta trovando ad affrontare il mondo della scuola, in un momento in cui la parola d’ordine dovrebbe essere investimento. E motivazione del corpo docenti. E invece, nei fatti, è il tempo del controrine, come quello arrivato sul taglio delle 43 cattedre, prima annunciato, poi scongiurato dall’assessore regionale all’istruzione Bugli e adesso riconfermato. La provincia di Lucca, inoltre, risulta penalizzata, rispetto alla Toscana, sul sostegno che da tempo soffre la mancanza di insegnanti e non ne avrà nemmeno uno in più nel prossimo anno.

Una situazione insostenibile, lo ribadisce il sindacato Cigl, per cui è davvero difficile pensare ad un rientro a settembre nelle attuali condizioni di precarietà.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.