Cinque liste civiche e quattro partiti per Barbara Paci

VIAREGGIO - Barbara Paci si è presentata ufficialmente sabato pomeriggio alla città. In un salone del Fienile, nel cuore del quartiere Varignano, pieno di gente, la candidata della coalizione ha voluto elencare tutte le liste civiche e i 4 partiti di centro destra che sostengono la sua candidatura. 

- 11

Tre liste erano già state annunciate (Barbara Paci sindaco, Civicamente di Troiso e “Partite iva – Per la nostra terr”a di Roberto Tedeschi). A queste si sono aggiunte altre due liste civiche: Viareggio attiva di Annamaria Pacilio (che è uscita dal M5S) e Viareggio civica di Brunello Consorti. Ad aprire le danze è stato l’ex assessore viareggino Aldo Belli che presentando Barbara Paci ha detto che è la persona giusta per la rivoluzione copernicana che serve a Viareggio. Poi ha ceduto la parola ad una emozionata Barbara Paci che ha voluto subito mettere le cose in chiaro.

Il faticoso lavoro per unire tutto il centro destra in vista del voto di settembre per l’elezione del sindaco, è opera anche del deputato di Fratelli d’Italia Riccardo Zucconi. Tra i sostenitori della candidatura civica di Paci c’è Massimiliano Baldini, attuale capogruppo della Lega, e sempre più probabile candidato del Carroccio alle regionali di settembre.

Commenti

11


  1. Barbara Paci.
    Chi è?
    Un nome? si un nome.
    Quale la sua professione? i suoi interessi e, la domanda più importante ……
    Quale la sua esperienza politica, il suo padssto politico, .
    Si rende conto che si è candidata ad unafunzione, quella di primo cittadino, Sindaco di una città come questa, una città che, nonostante abbia perso gran patte del suo smalto, è sempre la ex perla del tirreno.
    Ancor oggi, ed io lo posso affermare con certezza, quando dici che sei nato a Viaregg e sei viareggino, all’interlocutore brillano gli occjie il sorriso si palesa brillante.
    Tuttavia se, tutto il centro destra alcune liste civiche hanno dato piena fiducia è perché hanno visto che, quel nome da garanzie di successo.
    A Viareggio, stavolta i soliti vecchi nomi, ormai conosciutissimi e conoscitori di ogni “mattone”del comune non sono in vetrina.
    Forse è per questo che ci voleva Barbara, un volto, un nome poco (credo) conosciuto che potrà essere quel tocco di novità a garanzia di quel cambiamento di cui la città ha bisogno dopo decenni di presenza di quella sinistra di cui Viareggio e i suoi cittadini non vogliono liberarsi.
    È stata presentata fa un “vecchio lupo”, mi perdoni e passi il termine, della cultura della storia, della politica viareggina, grande professionista e scrittore che ha dato lustro a Viareggio. Aldo Belli.
    Anche questo elemento è motivo di grande affidabilità della candidata.
    Qualche aggiustamento è ancora da operare ma con il tempo, prima di settembre Barbara Paci ci riuscirà.
    Adesso il futuro di Viareggio non è in mano alla Candidata ma ai Viareggini che dovranno dare fiducia a Barbara Paci. Donna e non è da poco, che avrà l’onere di dare quella svolta e quel cambiamento di cui la città ha bisogno di.
    A Barbara Paci dovremmo sostegno e fiducia e la stessa con senso di responsabilità nei confronti dei cittadini e della città, dirigere dal più alto scranno cittadino questa Viareggio che dovrà dopo decenni di amministrazione di sinistra tornare a splendere


    • Sono d’accordo, il futuro di Viareggio è in mano ai viareggini, diamo fiducia al Sindaco uscente che in questi anni ha amministrato bene.
      Scegliere la destra vuol dire sì cambiare, IN PEGGIO.
      I viareggini sono consapevoli e sono sicuro a settembre faranno la scelta giusta, come tutti i toscani per la scelta del nuovo governatore.


      • Ma come fate a dire che sarebbe cambiare in PEGGIO!?
        Probabilmente il partito vi sta ORDINANDO! di dire in questo modo.
        Usate il vostro cervello e aprite le possibilità a qualcosa di nuovo , Viareggio si DEVE! liberare dalla Sinistra
        La faziosità e la chiusura mentale è la cosa peggiore per il futuro della città.
        Barbara PACI? andrà bene il suo amministrare, anche se qualcosa che sta lì sarebbe il caso di correggerlo o addirittura cambiarlo già da ora.
        Ma poniamo il caso che andasse male, avreste avuto ragione ma almeno i viareggini hanno provato il cambiamento.
        Il comunismo è come stare troppo a tavola, FA MALISSIMO!!!


  2. La mancanza della manutenzione dei beni pubblici in questo quinquennio, ha conferito a Viareggio l’immagine di una città profondamente degradata. Passeggiata , centro e periferia sono tutte nelle stesse condizioni. Non esiste più neppure il “salotto buono” (es. Piazza Mazzini e Terrazza della Repubblica), con cui sciacquarsi la bocca, figuriamoci delle altre stanze di questo decadente palazzo. Una vera vergogna.


  3. Io non prendo ordini da nessun partito (neanche sono iscritto) forse sarà lei che prende ordini dai partiti della destra sovranista.
    In quanto a chiusura mentale la destra ne ha da vendere, proprio per questo NO ALLA DESTRA.
    Chi parla di comunismo riferito al PD e alla regione Toscana dilaniata dalla politica comunista, consiglio prima di scrivere certe assurdità è bene che si documenti che studi cos’è veramente il comunismo.
    Ci sono persone che vedono il comunismo ovunque, come il Caimano (Berlusconi).
    In quanto alla bandiera italiana il rosso che c’è è quello giusto.


    • Quanto qualunquismo!
      Vada a farselo spiegare da chi per anni ha vissuto sotto il vostro settantennale regime che cosa era il comunismo.
      Una cosa è certa, lei a me lezioni in materia, per esperienza glielo dico, non è in condizione di darmene.
      Il post sulla gestione della città che precede è chiaro.
      Del resto, dopo il dissesto, causato dalle sinistre con scelte a dir poco estremamente discutibili in nome del “sociale” a Viareggio ha dato i risultati sotto gli occhi di tutti.
      Comunque, nel rispetto di tutti, speriamo che i viareggini-elettori, abbiano quella lungimiranza tale da creare una amministrazione comunale diversa da ora e che porti “Paci” al posto che si merita e che, in particolare, la CITTÀ MERITA dopo, tanti, TROPPI!!! anni di quell’ingombrante rosso che potrà lasciare il posto al bianco e al verde.
      Anche se, prima della tornata elettorale, la candidata dovrà fare qualche aggiustamento per costruire un percorso un poco meno in salita.
      C’è qualcosa che frena la corsa


  4. Vada lei a farsi spiegare da chi per anni ha vissuto sotto i regimi di destra cosa ha voluto dire.
    Purtroppo c’è una rinascita dell’estrema destra nazionalista e razzista, xenofoba e antisemita, populista e antieuropeista, in tutta Europa e anche in Italia.
    Questi bravi signori si sentono tutelati, protetti dai partiti di estrema destra sovranisti e antieuropeisti che fomentano l’odio verso lo straniero.
    Io non voglio dare lezioni a nessuno, non sono così presuntuoso, però non accetto certo lezioni da lei che dispensa saggezza su qualsiasi cosa, programmi elettorali, parcheggi interrati, programmi per il turismo ecc. ecc.
    Chi scrive e pensa che la regione Toscana è stata dilaniata dal regime comunista si commenta da solo.
    Le persone che lei definisce comuniste sono state elette attraverso elezioni democratiche, sono i cittadini che hanno scelto da chi essere governati e amministrati.
    Questa si chiama DEMOCRAZIA.
    Concludendo, meglio stendere un velo pietoso su certe affermazioni.


    • Appunto!
      stendiamolo ma alziamolo alle prossime elezioni ( sempre che ci sia concesso il privilegio) in termini democratici tenuto conto che è già ilterzo governo non eletto che SECONDO LA VOSTRA DEMOCRAZIA ci ritroviamo.


      • Ci potrebbe essere anche un quarto, un quinto governo e così via.
        Come forse lei non sa, la democrazia si da delle regole e queste vanno rispettate.
        In Italia per le politiche si vota ogni cinque anni, (nel 2023) e finché in parlamento c’è una maggioranza il capo dello stato non scioglie le camere indipendentemente dal tipo di maggioranza possibile sia di destra che di sinistra.


  5. Gentile signore, in casa mia ciò che hanno fatto i regimi di destra lo so bene.
    Mio padre fu deportato al campo di concentramento di stettino, è vissuto , se così si può dire, con una fetta di pane e due fette di patata al giorno.
    Riuscì a fuggire per ben 2 volte e, a piedi da quel territorio che oggi è la polonia arrivò a Lucca, fu ripreso grazie ad un fascista che lo fece catturare.
    Quindi a me kei non può dare lezioni.
    È vissuto fino a 74 anni ed è “andato” con quell’esperienza negli occhi e nell’anima.
    Tuttavia, amiamo l’Italia e gli italiani in primo luogo e questo non vuole dire che siamo razzisti, xenofobi e rifiutiamo lo straniero.
    Difendiamo e tuteliamo prima l’italia e gli italiani.
    Sono ricominciati gli sbarchi e per ringraziarci scappano e si dileguano non sapendo come vivere e questo grazie alle vostre politiche dell’accoglienza ma non sapete gestirli.
    Spendiamo soldi (DELL’ITALIANO CONTRIBUENTE) per fare tamponi GRATIS a questi baldi giovani che tutto sembrano ma certo non sono sofferenti di povertà e carestie oppure fuggitivi da guerre.
    ……..E gli italiani? se vogliono fare i tamponi o un semplice sierologico se lo devono pagare.
    No signore, io tutelo prima i miei familiari poi, se posso, aiuto gli altri.
    Se proprio volete continuare su questa strada, ogni ettore di dinistra se ne prenda 3 o 4 a casa propria, se li mantiene senza andare ad intaccare minimamente quelli che sono i diritti degli italiani contribuenti.
    Tuttavia gentile signore, noi ne siamo orgogliosi, Siamo Italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.