Il Maestro Alberto Veronesi candidato al Consiglio regionale col Pd

VIAREGGIO - Alberto Veronesi, direttore d’orchestra e direttore musicale del Festival pucciniano di Torre del Lago, è candidato nelle liste del Pd nel collegio di Lucca-Versilia per le prossime elezioni regionali della Toscana, in programma per il 20 e 21 settembre.

- 1

Il Maestro, figlio del celebre oncologo Umberto Veronesi (già senatore Pd) padre dell’Istituto Italiano Tumori, e di Sultana Razon, una ragazza ebrea sopravvissuta agli orrori del lager nazista di Bergen Belsen, è milanese di nascita ma lucchese di adozione. Oltre all’infanzia trascorsa con la famiglia a scoprire le bellezze architettoniche, culturali e paesaggistiche della provincia, per Veronesi Lucca (e provincia) significa soprattutto Giacomo Puccini. Dal 1998 lavora al Festival di Torre del Lago, come Direttore d’orchestra prima, direttore artistico e infine anche Presidente nominato dal sindaco Del Ghingaro.

“Intendo rendere una parte di quel che mi è stato regalato in termini di storia, di educazione e di cultura non solo musicale. Bisogna lavorare in sintonia per affermare il ruolo di Lucca come capitale della musica, della cultura, del turismo. Io metto a disposizione: la mia esperienza internazionale, le mie conoscenze e il mio amore per Lucca, la Garfagnana, la Media Valle e la Versilia.”

Commenti

1


  1. Adesso le tribune elettorali si sono ridotte ad insulti ed insinuazioni dalla platea…con atteggiamenti stupidi ed appunto detti…..plateali! Vorrei vedere la faccia del Maestro se, prima di un suo concerto, fosse verbalmente accusato di far solo rumore! Faccio osservare che Salvini, nato nel 1973 ed a circa trent’anni dalla caduta del fascismo , non meriterebbe -data l’età- neppur l’appellativo di “balilla”! Altro che fascista!
    Per il popolo dei DEM….la democrazia è solo una parola a senso unico: il loro! Sospetto che DEM…. sia l’abbreviativo dell’intuibile aggettivo/sostantivo, sinoniimo di povertà intellettuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.