Sarà un Eccellenza in formato-mignon; si spera di partire domenica 11 ottobre

CALCIO ECCELLENZA - La pandemia da covid 19 segna ancora, e chissà per quanto lo farà. il destino e lo sviluppo del calcio dilettantistico. Gironi ridotti come primo provvedimento. In Eccellenza raggruppamento a 12 con squadre delle province di Lucca, Massa, Pisa e Pistoia.

-

 

Detto e fatto ? Chissà. L’ultima volta fu il 1° marzo prima che la pandemia facesse fermare il mondo e non solo i campionati di calcio. Classifiche congelate e tutto rinviato a tempi migliori o i meno peggio. Fate voi. Che si spera siano quando l’autunno avrà già soverchiato questa strana e pazza estate. In attesa di protocolli vari, ma soprattutto di capire quale sarà la situazione fra più di due mesi, una cosa è già decisa: riduzione del numero delle squadre di ciascun girone. In Eccellenza saranno 12, non una di più, con la presenza di compagini di quattro province: Massese, Pontremolese e San Marco Avenza (Massa-Carrara); Atletico Cenaia, Cascina, Cuoiopelli e Perignano (Pisa); Montecatini (Pistoia). E poi ci sono le nostre magnifiche quattro: Castelnuovo Garfagnana, River Pieve, Tau Altopascio e Camaiore. Il campionato scatterà domenica 11 ottobre salvo controindicazioni che preferiamo neppure pensarci. Chiaro che il grimaldello maggiore riguarda il protocollo col quale le società, e qui parliamo di dilettantismo puro, dovranno e potranno approcciarsi alla nuova stagione a cominciare già dalla fase di preparazione. Questo è il nodo principale e chiave su cui verte il destino del calcio dilettantistico 2020/2021, quello del post-covid.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.