Spariti 150mila euro dal conto di una 96enne; denunciato capannorese

CAPANNORI - Avrebbe fatto sparire ben 150mila euro dal conto di una donna di 96 anni. Almeno questo è quello che dimostrano le indagini della polizia, che ha denunciato un 66enne di Capannori per i reati di appropriazione indebita, circonvenzione di incapace e truffa e con alcune aggravanti.

-

Lui è pure un parente, sia pure alla lontana, ed è apparso nella vita della vittima qualche anno addietro. Andava a trovarla per poche ore al giorno per farle compagnia e con il tempo era riuscito a convincere l’anziana signora, carpendone la fiducia, a delegargli le operazioni di prelievo dal conto corrente bancario.

Ma l’anno scorso è scattato l’allarme. L’anziana signora commissiona ad un altro parente alcuni lavori di ristrutturazione della sua abitazione ma quando c’è da pagare gli operai si scopre che sul conto c’è rimasto molto poco.

La donna, allarmata, viene accompagnata in Questura per denunciare quanto accaduto. I sospetti si appuntano subito sul 66enne e la polizia gli blocca subito il conto corrente.

E infatti vengono prima individuati due bonifici di 50 e 60 mila euro che l’anziana avrebbe firmato a favore del premuroso parente.Cosa che però la donna non ricorda assolutamente di aver fatto, tanto che non riconosce la firma come la sua.

E c’è anche un ammanco di 46 mila euro, prelevati dall’indagato dal conto dell’anziana signora, in contanti e in diverse soluzioni.

Pochi giorni fa all’uomo è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini, emesso dalla Procura della Repubblica di Lucca.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.