Sul monopattino “truccato” e senza casco: sanzionati due 13enni

PIETRASANTA - Due ragazzini sono stati multati nel weekend dalla Polizia Municipale beccati alla guida di monopattini elettrici senza rispettare le regole . In un caso il mezzo era guidato da un 13enne (l'età minima consentita è di 14 anni): non indossava il casco (obbligatorio) e trasportava anche un secondo passeggero.

- 1

In un altro episodio (alla guida sempre un 13enne) era stata persino modificata la struttura per consentire di installare un seggiolino. Alle famiglie dei due minori sono state contestate violazioni amministrative (legge 169/2019)  con multe che vanno da 100 a 500 euro. “Il monopattino non è un giocattolo –  spiega la Polizia Municipale del Comune di Pietrasanta coordinato dal Comandante Giovanni Fiori – ma è un veicolo a tutti gli effetti e pertanto deve rispettare norme e regole di comportamento”.  A preoccupare il Comune di Pietrasanta è il boom degli incidenti stradali che si registrano a livello nazionale con pedoni investiti e automobilisti che si scontrano con i conducenti dei mezzi elettrici. Il monopattino elettrico – sempre più diffuso negli ultimi mesi – è oggi considerato dal Codice della strada un vero e proprio veicolo.

A tal proposito il Comandante della Polizia Municipale, Giovanni Fiori, ricorda quali sono le caratteristiche dei monopattini elettrici: deve avere un motore elettrico che non superi in potenza i 2 kw; dev’essere dotato di un campanello; luce anteriore bianca o gialla fissa e posteriormente catadiottri rossi e luce rossa fissa utili alla segnalazione visiva; se non possiede queste caratteristiche non può circolare col buio, ovvero da mezz’ora dopo il tramonto fino al sorgere del sole; per poter circolare non è necessaria immatricolazione, targa e assicurazione. Per poter guidare un monopattino elettrico non è richiesta la patente ma è necessario avere più di 14 anni. I monopattini elettrici possono circolare: sulle strade urbane con il limite di 50 km/h; sulle aree pedonali urbane dove è consentita la circolazione dei velocipedi e sulle strade extraurbane solo all’interno delle piste ciclabili. Sui marciapiedi e nelle aree riservate ai pedoni la loro circolazione è sempre vietata. E’ obbligatorio circolare in fila e comunque mai affiancati in numero superiore a due; le braccia e le mani devono essere libere e bisogna impugnare il manubrio sempre con entrambe le mani, salvo che non sia necessario segnalare la manovra di svolta; in ore serali, notturne o in condizioni di scarsa visibilità i conducenti hanno l’obbligo di indossare il giubbotto o le bretelle ad alta visibilità; i minori di 18 anni devono indossare il casco.

Commenti

1


  1. Genitori assenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.