Cala il sipario su una splendida edizione di “Barga Jazz”

BARGA - Si è concluso domenica scorsa, dopo una lunga carrellata di concerti anche con artisti di levatura internazionale, il Barga Jazz Festival, quest’anno denominato Barga Jack, in ricordo del fondatore ed anima della manifestazione Giancarlo Rizzardi, scomparso nei mesi scorsi.

-

 

Nella serata conclusiva di domenica c’è stato un doppio appuntamento che ha visto protagonisti Angelo Lazzeri e Stefano Onorati, solisti dell’orchestra di Bargajazz, con i loro progetti in piccolo gruppo, mentre sabato sera il Barga Jazz festival ha ospitato Andy Sheppard, uno dei principali sassofonisti europei e uno dei pochissimi musicisti britannici ad aver avuto un impatto significativo sulla scena jazz internazionale, suonando e scrivendo per allestimenti da solista a big band e orchestra da camera. Il concerto si è svolto, causa il maltempo della serata, al teatro dei Differenti, alla presenza di un pubblico che è stato accolto con tutte le restrizioni del caso legate al covid-19. Con Sheppard, sul palco del Differenti, la pianista Rita Marcotulli, artista d’eccezione del jazz italiano che ha collaborato anche con artisti internazionali come Chet Baker, Kenny Wheeler, Noa, Pino Daniele, Pat Metheney.

E’ stata un’altra bella serata di jazz di altissimo livello che ha arricchito il bilancio di una manifestazione che, causa tutte le problematiche covid-19, è stata senza dubbio una edizione particolare. Un festival che , se da una parte ha dovuto rinunciare al concorso di composizione ed arrangiamento per orchestra jazz, dall’altra ha fatto riscoprire i Giardini della Villa Gherardi come location perfetta per i concerti jazz. Il il programma del festival poi, è stato tutt’altro che di ripiego; si è svolto dal 18 di agosto con sedici concerti di qualità che hanno visto protagonisti giovani emergenti (SienaJazz University e partecipanti al BargaJazz Contest provenienti da tutta Italia) e ospiti internazionali come Scott Hamilton, Jim Black e Andy Sheppard. Nonostante le difficoltà dell’emergenza COVID19 tutti i concerti si sono svolti in piena sicurezza grazie alla collaborazione dei tanti volontari  del festival,. della Misericordia del Barghigiano e dell’Associazione Nazionale Carabinieri. Il Festival è stato realizzato con il decisivo contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, Regione Toscana, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Comune di Barga

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.