Il Ministro Lorenzo Guerini rende omaggio a Villa Collemandina

VILLA COLLEMANDINA - In occasione dei 100 anni dal grande terremoto del 1920 il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini è salito a Villa Collemandina, che fu uno dei comuni più colpiti (se non addirittura il più colpito) da quell'evento disastroso avvenuto un secolo fa.

-

Una cerimonia riservata eppure solenne e significativa quella che si è svolta lunedì mattina  a Villa Collemandina, nel centesimo anniversario del terremoto del 1920, con l’attesa presenza del ministro dlla Difesa Lorenzo Guerini. Alla cerimonia , in ricordo delle 171 vittime e degli oltre 600 feriti, hanno preso parte diverse autorità civili, militari e religiose tra cui il Prefetto di Lucca Francesco Esposito, il Presidente della Provincia di Lucca Luca Menesini, il Presidente dell’Unione Comuni Garfagnana Andrea Tagliasacchi, il Sindaco di Villa Collemandina Dorino Tamagnini. A Villa Collemandina con il ministro, accompagnato dal senatore Andrea Marcucci, anche il capo del dipartimento di protezione civile Angelo Borrelli. Presso la chiesa del paese la cerimonia di ricordo, con il ministro che ha preso la parola dopo l’intervento del sindaco di Villa Collemandina, rimarcando l’importanza del sistema di protezione civile in territori come la Garfagnana. Nel 1920 le Forze Armate furono in grado di garantire efficacemente il primo soccorso e l’assistenza alle popolazioni colpite, svolgendo un ruolo chiave insieme alla Croce Rossa di Firenze e le tante dimostrazioni di solidarietà, che  furono antesignane di quello che sarebbe diventato il concetto di Protezione Civile” ha affermato il Ministro aggiungendo poi  che il loro esempio e la loro tenacia deve continuare ad essere per le Istituzioni l’esortazione a migliorarsi nell’assicurare – in occasione di pubbliche calamità – una risposta sempre più rapida e adeguata. Il ministro, così come Angelo Borrelli, hanno ringraziato anche le forze dell’ordine e tutto il mondo del volontariato presenti per il loro importante lavoro. Il ministro ha dichiarato inoltre di essere rimasto molto colpito dall’organizzazione del volontariato di protezione civile sul territorio, come poi ha rimarcato anche in occasione dell’inaugurazione  dei cinque moduli di pronto intervento degli Autieri Garfagnana che sono stati presentati nel campo sportivo del paese e che andranno a rafforzare la dotazione della colonna mobile regionale. Prima dell’inaugurazione, nel chiostro accanto alla chiesa, la deposizione di una corona di alloro e settembre del 1920. Il ministro con il capo della protezione civile, successivamente hanno visitato anche il centro intercomunale di protezione civile di Ortomurato a Castelnuovo Garfagnana

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.