Clamoroso: 19 società della Garfagnana chiedono lo stop del calcio dilettanti

CALCIO DILETTANTI - Lo sport e il calcio, come tutti i settori della vita quotidiana, sono ripartiti dopo il lungo lockdown: grande la voglia di riprendere la normalità da parte di tutti, nonostante le giustificate preoccupazioni e timori dovuti alla pandemia da covid-19.

- 2

 

Non ne ha fatto eccezione il calcio dilettantistico della nostra zona: ripartiti gli allenamenti, le partite amichevoli, è iniziata anche la Coppa, tutto nel rispetto dei protocolli sanitari emanati dagli organi competenti. Protocolli di difficile attuazione ma a cui tutti si sono adeguati. Il recente “caso” del Castelnuovo, con due calciatori positivi al tampone e l’intero gruppo di 26 persone, sia giocatori che staff, messi in quarantena per 14 giorni dalla ASL, ha fatto “esplodere”
tutte le paure e i dubbi della ripartenza. Il protocollo sanitario è di difficile attuazione e la rigidità del sistema della “quarantena” non può essere sopportato dal movimento dilettantistico, fatto di gente comune che lavora o va a scuola. E’ la posizione di 19 società calcistiche della Garfagnana e Media Valle, che si sono ritrovate a Castelnuovo (a dovuta distanza) per fare il punto della situazione ed adottare una posizione unica nei confronti della F.I.G.C. in relazione al proseguimento dell’attività agonistica: dall’incontro è nato un documento unitario, inviato agli organi federali del movimento dilettantistico regionale, nel quale, in pratica, si chiede di impegnarsi alla modifica dei protocolli sanitari ma soprattutto, viste le condizioni attuali della diffusione del virus, si chiede di sospendere l’inizio dei campionati, previsto per  domenica 11 ottobre. Una presa di posizione netta e chiara al momento condivisa dal gruppo di 19 società, alle quali sicuramente si accoderanno tante altre realtà: capofila del gruppo si è posta l’U.S. Castelnuovo Garfagnana, guidata dal determinato presidente Dino Dini, sia per ragioni di “anzianità” e storia sportiva, ma soprattutto perché ad oggi è la società più toccata dal problema. Ecco le società che al momento hanno sottoscritto il documento: Castelnuovo, River Pieve, Pieve Fosciana, Vagli, Diavoli Neri, Molazzana, Atletico Castiglione, Diavoli Rossi Filicaia, Barga, Borgo a Mozzano, Fornaci, New Team, Atletico Fornoli, Gallicano, Pontecosi Lagosì, Piazza 55, Valle di Ottavo, Virtus Robur Castelnuovo, Corsagna.

 

Commenti

2

  1. Armando Fancelli


    Cndivido appieno la posizione delle società sportive dilettantistiche, sarà difficile svolgere l’attività sportiva anche per le società impegnate nelle categorie superiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.