Galimberti in San Francesco conquista il pubblico parlando di libertà

LUCCA - Il filosofo Umberto Galimberti ha aperto le conversazioni in San Francesco organizzate, come sempre, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, facendo registrare il tutto esaurito

-

Fino a che punto e in che modo possiamo intenderci liberi? E’ inutile chiederselo perché la libertà non esiste. Al suo posto, ne coltiviamo l’idea, o meglio, l’illusione. Ne è convinto Umberto Galimberti, uno dei più influenti filosofi e pensatori del nostro tempo. La sua lectio magistralis ha aperto le conversazioni in San Francesco organizzate, come sempre dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, facendo registrare il tutto esaurito. Sorprendente, di questi tempi. Ed è stato il suo linguaggio schietto e spiazzante a conquistare, ancora una volta, il pubblico. L’illusione della libertà, un tema più che mai attuale, ma per Galimberti  trascende, in realtà, la stretta contingenza: da tempo siamo schiavi della tecnica, che ci vede come funzionari di apparato, al di fuori del quale non sappiamo vivere. L’emergenza sanitaria, sostiene il filosofo, poteva essere una opportunità per riflettere, ma non l’abbiamo colta.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.