Il Freddo, Cechov e “il terremoto di Vanja” al Lucca Film Festival

LUCCA - Star ormai riconosciuta del cinema italiano. Vinicio Marchioni ha riempito mercoledì sera il "Lucca Film Festival e Europa Cinema". Il 45enne attore romano ha presentato il suo ultimo lavoro "Il terremoto di Vanja: looking Cechov" di cui è regista e produttore.

-

Al Cinema Centrale la gente ha seguito con attenzione il documentario che prende spunto dal capolavoro del grande scrittore russo per indagare sull’immobilità italiana post-terremoto, riportando l’attenzione sulle popolazioni così duramente colpite dai tragici eventi sismici che si sono succeduti nel nostro paese. Tutto ciò alimentato dal dialogo ideale tra lo stesso Marchioni e Anton Pavlovic Cechov cui presta la voce Toni Servillo.

Marchioni ha conosciuto la grande popolarità grazie alla serie-cult “Romanzo Criminale” basata sulle vicende della Banda della Magliana e dove interpretò in modo magistrale le figura di Fabrizio Soleri, “Il Freddo”. Interessante capire dieci anni dopo cosa gli è rimasto di quell’esperienza. Del resto argomentare con Marchioni è facile anche perchè  è palese la sua curiosità, la sua voglia di scavare concetti profondi. Come quando ci racconta del suo ultimo progetto, che ci riporta al Caligola di Camus.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.