Notti di gelo: due dormitori per i senzatetto

LUCCA - Sono due i dormitori di emergenza allestiti a Lucca per evitare tragedie come quella avvenuta domenica notte, nel quale ha perso la vita un cingalese di 37 anni.

-

Un luogo semplice, ma pulito e soprattutto caldo. Ecco il dormitorio allestito alla Pia Casa dal Comune di Lucca, insieme alla Protezione Civile e alla Comunita’ di Sant’Egidio, a disposizione dei senza tetto che con le temperature di queste notti rischiano la vita. Nonostante i numerosi appelli, ancora in pochi sanno dell’esistenza di questa struttura. Se solo lo avesse saputo, Fernando Warnakulasria non sarebbe morto. Il cingalese di 37 anni, trovato assiderato lunedi’ mattina, dormiva a poche decine di metri dalla Pia Casa, in questo magazzino abbandonato di via Cantore. Domenica notte un’altra tragedia e’ stata sfiorata. Un rumeno senza fissa dimora per fortuna ha chiamato la polizia dicendo di essere in difficolta’ per il freddo e gli agenti lo hanno portato qui. Intanto anche la Modavi Prociv di Lucca ha allestito nella propria Sede, in via della Canovetta, venti posti letto riscaldati per ospitare eventuali senza tetto della città. Ma in questo momento l’importante e’ il passa parola, far sapere ai senza tetto che esistono questi luoghi. ‘’Chiunque ne conosca uno lo avverta’’ hanno esortato i membri della Comunita’ di S. Egidio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento