Proiezioni di Natale, Tambellini replica

LUCCA - E' ancora polemica sulle luci natalizie con sponsor proiettate sulle facciate degli edifici pubblici senza l'autorizzazione del Comune.

-

La vicenda è stata sollevata dal quotidiano La Nazione ed ha già fatto una vittima, il consulente del Comune per i grandi eventi, Andrea Arrighini, che si è dimesso dall’incarico. L’ormai ex collaboratore del Comune ha spiegato che la mancata autorizzazione sarebbe il frutto di un errore degli uffici comunali e che non c’è stata volontà di dolo da parte di nessuno. Ma a far decollare le polemiche ha contribuito il fatto che l’associazione che gestiva la proiezioni, “Città Infinite”, fosse presieduta fino a pochi mesi dal fratello di Arrighini.
L’ex consulente adesso però è partito al contrattacco e sul “Tirreno” ha minacciato azioni legali contro l’assessore Fratello, che su questa storia avrebbe detto di essere stata raggirata da Arrighini.
Sulla graticola in questi giorni è finito anche il responsabile comunale del turismo, l’assessore Massimo Tuccori. Che su questa storia si sarebbe sentito abbandonato dalla giunta e che adesso minaccia di dimettersi.
Insomma, una storia che sembra mettere a nudo un’evidente mancanza di raccordo all’interno della giunta al di là della facciata ufficiale, e che dimostrerebbe anche che una scarsa capacità di controllo della macchina comunale da parte dell’esecutivo. Non la pensa così però il sindaco Tambellini, secondo il quale si è trattato solo di un errore tecnico, peraltro già riconosciuto dal Comune. La storia secondo il sindaco, sarebbe stata alimentata ad arte da chi vuole mettere in difficoltà la sua amministrazione.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento