Ottobre nero, anzi nerissimo della Lucchese

CALCIO LEGA PRO - La sconfitta con l'Ascoli, la quarta consecutiva, ha inasprito la crisi della Lucchese. Bacci promette la rivoluzione ma per ora i dirigenti "lucchesi" lo hanno stoppato. Ma Russo e Pagliuca rischiano.

-

Bacci promette tuoni e flumini ma per il momento la Lucchese è un cielo ricco di nuvole che vanno e vengono. Il clima è imbronciato e molto assomlglia a quello meteorologico che ci accompagna dall’inizo del 2014. Dopo la sconfitta con l’Ascoli, quarta consecutiva e quinta nelle ultime sei partite, il numero uno rossonero ha promesso la caduta di teste come ai tempi della Rivoluzione francese. In realtà il primo della lista era, e rimane, il DS Bruno Russo sul cui operato Bacci ha avuto parole non proprio carine, seguito ad una stretta incollatura dal tecnico Guido Pagliuca la cui panchina non è più così solida. Lo stesso Bacci (clamorosamnete contestato dalla Curva Ovest) non ha escluso il clamoroso ritorno, (ma è mai andato veramente via ?) del DG Giorgio Rosadini. Insomma la solita confusione organizzata che accompagna le vicende della Lucchese ormai da diverso tempo e che non può che avere conseguenze anche sul campo. Anche contro l’Ascoli la squadra ha palesato i soliti limiti. Fragilità difensiva che al primo spiffero subisce gol e poi la terribile fatica a trovare la via della rete. Contro i marchigiani Nolè e compagni hanno giocato anche un calcio discreto e generoso ma troppo sterile negli ultimi 25-30 metri per poter sperare di farla franca. Tanto lavoro attende Pagliuca in vista della trasferta e del lunch match di domenica a Forlì. Si sperava in un ottobre rossonero ed invece (finora) si può parlare solo di “ottobre nero”, anzi nerissimo della Lucchese.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.