La Polizia cattura due corrieri e sequestra quasi un quintale di hashish

VIAREGGIO - Due cittadini tunisini sono stati catturati dalla Polizia di Stato al termine di una complessa operazione che ha impegnato il Commissariato di Forte dei Marmi e la Sottosezione Polstrada di Viareggio.

-

Tutto è iniziato sull’A/12, alle 19.30. Al 113 della Questura di Lucca è pervenuta la segnalazione di un incidente tra un TIR e un’auto, prima del casello Versilia. Sul posto è giunta una pattuglia della Polstrada di Viareggio, che ha notato una Panda incidentata con nessuno a bordo.

I poliziotti della Stradale, intravedendo nell’abitacolo più sacchetti di cellophane, hanno intuito che si trattava di droga. Nel contempo, hanno scorto dietro l’auto la sagoma di due individui che si stavano allontanando nei campi adiacenti. Gli agenti hanno lanciato l’allarme via radio, precisando che uno dei due indossava pantaloni chiari e una felpa grigia con cappuccio.

A quel punto, la centrale operativa della Questura di Lucca ha organizzato una vasta manovra a tenaglia, impiegando una decina di poliziotti tra Volanti del Commissariato di Forte dei Marmi ed equipaggi della Polstrada di Viareggio, reparti che da mesi lavorano in sinergia per assicurare controlli capillari in Versilia e far percepire di più la presenza della Polizia di Stato.

Gli sforzi profusi, anche questa volta, sono stati premiati. Infatti, poco dopo, il cerchio intorno ai fuggitivi si è chiuso: una Volante del Commissariato ha intercettato due persone che corrispondevano alle descrizioni ricevute via radio in via Padre Ignazio da Carrara, vicino all’autostrada, nel comune di Forte dei Marmi.

Gli stessi, alla vista dell’auto della Polizia, hanno cercato di dileguarsi in un campo, ma sono stati raggiunti e bloccati da agenti in borghese del Commissariato che affiancavano le pattuglie in uniforme.

Uno dei due aveva in tasca le chiavi della Panda. A bordo della stessa, nel frattempo, la Polizia Stradale ha recuperato 89,5 kg hashish. I due, titolari di permesso di soggiorno, sono stati arrestati dalla Polizia.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.