Elezioni, il provveditore Donatella Buonriposi si candida a sindaco

LUCCA - Adesso è certo. Il dirigente scolastico interprovinciale Donatella Buonriposi si candida a sindaco di Lucca. La presentazione ufficiale ci sarà nei prossimi giorni ma la Buonriposi spiega già le ragioni della sua "scelta civica".

- 1

“Le ragioni della mia scelta civica? – esordisce – La voglia di scommettere sulla rinascita di una città dormiente con la giunta Tambellini e che necessita quindi di una valida alternativa, puntando su un programma serio e ricco di contenuti, che non vedo l’ora di presentare. Un programma frutto dello studio e dell’entusiasmo di una squadra competente che ha visto in me la figura adatta per rivitalizzare Lucca attraverso una creatività che guardi oltre i suoi confini”.

Il piano d’azione della mia lista – continua Buonriposi – si fonda sul profondo rispetto per la nostra bellissima città, come rivelerà lo stesso nome, diverso da quello che è stato già indicato con affrettate congetture.  La nostra battaglia si basa sul presupposto che ci voglia un cambio di passo partendo dalla cultura, unica forza motrice in grado di garantire il salto di qualità, nella convinzione che solo potenziando l’istruzione si possa migliorare il nucleo di base della nostra società, ovvero la famiglia, assicurando a quest’ultima un maggiore benessere. Rifuggiremo per questo dal becero populismo: non parleremo alla pancia dei lucchesi, ma alla loro testa. Vogliamo migliorarne la vita quotidiana coinvolgendoli in alte aspettative”.

Fa sorridere – conclude la candidata sindaco – che già piovano critiche anche da parte di chi si dichiara libero, quando ha una collocazione politica ben precisa e tiene anche a sbandierarla. La mia è una lista civica e, in quanto tale, non strizza l’occhio a nessuno, ma prevede un’apertura a 360 gradi, senza confini né pregiudizi propri dello schieramento ideologico, che sia di destra o di sinistra”.

Commenti

1


  1. Mi pare una buona notizia: dato il curriculum della candidata,farebbe del bene alla città. Oggi più che mai servono persone provenienti da tecnostrutture- come la scuola- e con esperienze già comprovate sul campo.Dirigere una scuola con centinaia di studenti,cui si sommano centinaia di insegnanti e amministrativi ( a voler tralasciare i genitori e la complessità del rapporto con questi ultimi) offre ottime credenziali per gestire un Comune. Peraltro la dirigente scolastica territoriale Buonriposi ha fatto l’assessore per qualche anno e quindi conosce come si articola l’amministrazione comunale. Senz’altro ne sa di più di chi proviene da altri vissuti.In bocca al lupo!

Lascia un commento