Protezione civile, a Lucca il capo nazionale Angelo Borrelli : “Qui lavoriamo bene”

LUCCA - Lucca si conferma capitale italiana del volontariato. Non è un caso che il novo capo nazionale della Protezione civile, Angelo Borrelli, abbia inserito la città delle mura nel tour dei quattro capoluoghi di provincia visitati oggi, in occasione della giornata nazionale "Io non rischio", dedicata alle buone pratiche di prevenzione in caso si sisma o evento alluvionale.

-

In cortile degli Svizzeri Borrelli, che prima era stato a Roma e Mantova, è stato accolto dalle autorità ed ha rilasciato subito un’attestazione di merito al volontariato lucchese. “Lucca è una città importante dove si lavora bene e quindi ci tenevamo ad essere qui oggi”, ha detto.

Intorno a Palazzo Ducale erano stati allestiti gli stand informativi a disposizione dei cittadini, che in mattinata era stati visitati dagli studenti di alcune scuole superiori. Una giornata di particolare importanza per la protezione civile. “E’ una giornata importante perchè la diffusione della cultura di protezione civile non basta mai per crescere”, ha detto Borrelli. E alle istituzioni nazionali il capo dipartimento “ha chiesto di organizzarsi meglio e di fare di più”.

Borrelli dopo le autorità ha salutato anche i volontari presenti in cortile degli Svizzeri ed ha voluto conoscere maggiormente nel dettaglio l’attività della struttura lucchese, prima di partire alla volta di Reggio Calabria.

Da palazzo Ducale, a conclusione della giornata, è partita invece la passeggiata non competitiva organizzata in collaborazione con il Gruppo Sportivo Camigliano e il polo scientifico-tecnologico Fermi-Giorgi, con i partecipanti che hanno percorso aree pedonali, sentieri o marciapiedi nelle immediate vicinanze di Lucca.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento