Provincia e Comune segnaleranno il viadotto di Querceta al Ministero dei Trasporti per interventi di consolidamento

SERAVEZZA - Su invito del Comune di Seravezza la Provincia di Lucca segnalerà il cavalcavia di Querceta al Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture come priorità nell’ambito del censimento finalizzato a individuare ponti e viadotti nazionali a rischio e chiederà allo Stato di finanziare un intervento di consolidamento strutturale profondo, tale da consentire il superamento dei divieti oggi in essere.

-

È uno dei risultati maturati nella giornata di oggi dopo l’incontro mercoledì fra tecnici e amministratori comunali e provinciali tenutosi presso il centro operativo comunale della protezione
civile a Querceta. Con le limitazioni attuali e con gli opportuni monitoraggi, la Provincia considera il ponte sicuro. Pertanto, se dallo Stato non dovessero giungere gli auspicati finanziamenti, Palazzo
Ducale realizzerà comunque “a proprie spese un lavoro di manutenzione (impermeabilizzazione di alcune parti) finalizzato ad arrestarne l’usura”.

In questo caso il cavalcavia manterrà in forma stabile le attuali limitazioni di velocità, ampiezza della carreggiata e transito ai mezzi sopra le 50 tonnellate.
«Non possiamo dichiararci del tutto soddisfatti», dichiara il sindaco di Seravezza Riccardo Tarabella. «Salutiamo con favore l’inserimento del cavalcavia di Querceta nell’elenco delle opere provinciali da segnalare con priorità al Ministero e ci rincuorano le parole dell’ingegner Raffaello Bartelletti, profondo conoscitore dell’infrastruttura ed estensore di una recente perizia commissionata dalla Provincia, che ha ribadito stamani le sue valutazioni positive sullo stato di salute dell’opera, ma onestamente ci aspettavamo che la Provincia annunciasse oggi perlomeno la data di inizio dei primi lavori sui giunti. Rinnoviamo i nostri pressanti solleciti affinché la Provincia intervenga con rapidità dando anche risposta alle carenze recentemente evidenziate dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco».
All’incontro di questa mattina hanno presenziato i sindaci Riccardo Tarabella e Maurizio Verona – quest’ultimo anche in veste di vicepresidente della Provincia di Lucca –, gli assessori del Comune di Seravezza Valentina Salvatori, Dino Vené, Giuliano Bartelletti e Giacomo Genovesi, l’assessore del Comune di Forte dei Marmi Enrico Ghiselli, il comandante della Polizia Municipale Mauro Goduto e il geom. Marco Coli del Comune di Seravezza, l’ingegner Raffaello Bartelletti, la responsabile del Settore lavori pubblici e viabilità della Provincia arch. Francesca Lazzari, il geom. Gianfranco Nanini dell’ufficio manutenzioni di Palazzo Ducale.

Importanti le indicazioni fornite dall’ingegner Bartelletti, con un excursus sugli interventi compiutisul cavalcavia negli ultimi quattro decenni, dal primo importante consolidamento dell’opera realizzato nel 1978, dieci anni dopo la costruzione, alle prove dinamiche compiute con esiti più che buoni nel 2002 fino alla perizia del 2017 sulla base della quale la Provincia ha disposto le limitazioni precauzionali alla circolazione. L’ingegner Bartelletti ha anche chiarito alcuni aspetti tecnici legati al traffico pesante. La limitazione di portata a 50 tonnellate, ad esempio, è da considerare per singolo mezzo e per ogni senso di marcia: due mezzi con carico da 50 tonnellate ciascuno possono quindi transitare in contemporanea sul cavalcavia. Da parte della Provincia e del Comune partiranno tuttavia nuove iniziative tendenti da un lato a sensibilizzare le aziende al rispetto dei carichi massimi autorizzati per le singole tipologie di mezzi e dall’altro a verificare, anche con l’eventuale ausilio di telecamere, il rispetto dei limiti di portata da parte dei mezzi pesanti in transito.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.